Advertisement
avatar

14/03/2016

Investitori, promotori promossi sia da millennial che non

di Marcella Persola

Highlights
  • La ricerca è Global Investment Survey
  • Il 67% dei Millennial si sentirebbe sicuro affidandosi a consulenti non in carne ed ossa
La News

Promotori battono le tecnologie su tutti i fronti. Questo uno dei concept che emerge dalla ricerca Global Investment Survey realizzata da Legg Mason Global Asset Management.

 

Lo studio, arrivato alla sua quarta edizione, è stata realizzata in 19 paesi e mettendo a confronto i comportamenti di due macro-classi di investitori: quelli maturi (di età compresa tra i 40 e i 75 anni) e quelli millennial (tra i 18-39 anni) nei confronti delle nuove tecnologie quando si parla di investimenti.

 

Vediamo cosa è emerso dall'indagine. Solo il 13% degli investitori più maturi si dichiara propenso a fare investimenti tramite cellulare contro il 35% dei connazionali più giovani. Soltanto il 12% degli over 40 prende in considerazione l’ipotesi di investire mediante venditori online conosciuti – come ad esempio Amazon – rispetto al 30% dei Millennial italiani.

 

Ma le divergenze non finiscono qui: il 30% delle nuove generazioni di investitori è ben disposto a fare investimenti attraverso un’applicazione dedicata (come Schwab) mentre lo è solo il 10% degli investitori italiani più navigati. Il 32% dei Millennial prenderebbe in considerazione la possibilità di servirsi di una piattaforma di consulenza automatizzata in rete per consigli di investimento rispetto ad appena il 10% degli over 40. Il 27% dei Millennial italiani è disposto a fare investimenti avvalendosi di una piattaforma dedicata di social media contro l’8% degli investitori maturi.

 

E dei robo-advisor cosa pensano le due classi di investitori? Mentre il 69% degli investitori over 40 si dichiara sereno nell’investire in base ai consigli ricevuti dal proprio consulente finanziario, solo il 35% lo sarebbe nel seguire quelli di un robo-advisor. Al contrario il 67% dei Millennial si sentirebbe sicuro affidandosi a consulenti non in carne ed ossa.

 

Esiste però un tratto comune tra i due gruppi di investitori, che caratterizza l’Italia rispetto agli altri paesi europei in cui l’indagine è stata svolta: il ruolo del promotore finanziario.

Più della metà degli investitori maturi (53%) si affida ad un promotore finanziario per i propri investimenti: si tratta della più alta percentuale registrata in Europa dopo il Belgio (59%).

Decisamente lontani paesi come Germania (35%), Francia (36%) e Regno Unito (36%). Anche per i Millennial il ruolo del promotore finanziario è sempre più rilevante: vi si affida il 70% dei rispondenti, la più alta percentuale in Europa dopo la Francia (73%).

 

“La nostra indagine registra come il ruolo del promotore finanziario stia diventando sempre più importante nel nostro paese” – dichiara Marco Negri (nella foto), country head Italy per l’Italia. “La survey del 2015 evidenziava come vi si affidasse solo il 40% dei rispondenti, mentre ora lo sceglie più della metà degli stessi (53%). Il che testimonia come, indipendentemente dall’età, l’investitore italiano senta sempre più forte – in un contesto di mercato sempre più difficile da decifrare e in cui vengono a mancare i classici investimenti sicuri e redditizi - la necessità di affidarsi ad un esperto che possa dare consigli su misura rispetto alle esigenze e alla propensione al rischio di ognuno. Le nuove tecnologie saranno sempre più un ulteriore strumento a disposizione degli investitori che si affiancheranno ai canali e alle figure tradizionali ma non stupisce come a mostrarsi fin da subito più aperti e propensi all’utilizzo siano le generazioni più giovani, così come accade in altri campi” conclude Negri.

Links

Ti interessa questo argomento? Leggi anche:

Le ultime da Advisor Professional

Ancora uno shock

Si stava ormai esaurendo la carica destabilizzante (per l’economia e le attività di rischio) del poderoso rally del dollaro degli ultimi due anni, ...

Continua a leggere...