avatar

04/12/2014

Albo Unico, il consulente indipendente per la Mifid II non esiste

di Maurizio Bufi - Presidente Anasf

Highlights
  • Quella delineata dalla MiFID II è un’impostazione chiara, di cui il legislatore deve naturalmente tenere conto
La News

Le indiscrezioni pubblicate su Advisoronline.it in merito al contenuto della lettera inviata da Nafop ai suoi associati, all'interno della quale l'associazione chiedeva di non cancellare l'aggettivo indipendente e di riconsiderare l'ipotesi di un Organismo separato da APF per i fee only hanno avviato un dibattito che vede ora l'intervento di Anasf. Il presidente Maurizio Bufi ha inviato una lettera sul tema che pubblichiamo integralmente e arricchisce la discusisone dopo gli interventi di Assoreti e Ascosim

 

LA LETTERA

Rispondendo all’invito alla collaborazione manifestato da altre realtà associative, Anasf accoglie e condivide l’obiettivo di un efficace e realistico confronto volto a trovare una direzione di comune interesse generale sul futuro dell’Organismo che, nella proposta delle associazioni di riferimento, accoglierebbe in un Albo Unico tutti i consulenti finanziari operanti sul mercato. Proposta che si inserisce nell’ambito dei lavori parlamentari, cominciati lo scorso 25 novembre, di esame del disegno di legge presentato per iniziativa del senatore Mauro Marino.

 

Uno degli elementi al centro del dibattito è quello relativo all’ipotesi di aggiungere, nel caso dei consulenti finanziari a parcella, l’aggettivo “indipendenti”. Rispetto a questa proposta, una precisazione è dovuta e proviene dal quadro normativo definito dalla MiFID II. Nella nuova direttiva, infatti, si esprime con grande chiarezza che la caratteristica di indipendenza è riferita al servizio in sé, e non al consulente, quando ricorrano insieme una gamma sufficientemente ampia di prodotti e il totale divieto di inducement. Attribuire la qualifica di indipendente a un consulente finanziario persona fisica è dunque improprio sul piano formale e non corretto su quello dei contenuti: quella delineata dalla MiFID II è pertanto un’impostazione chiara, di cui il legislatore deve naturalmente tenere conto.

 

Questa considerazione non vuole essere limitativa ma anzi sposare un approccio di reale apertura del mercato, nella consapevolezza che la concorrenza è un bene per i risparmiatori ma che il legislatore deve comunque saper interpretare e armonizzare nella definizione delle norme le istanze provenienti da tutti gli stakeholder. A tal riguardo, va comunque ricordato che l’effettiva tutela dell’investitore passa anzitutto dalla qualità e dal contenuto della prestazione del servizio, efficacemente presidiata da una valutazione di adeguatezza affinché la proposta rivolta al singolo risparmiatore sia effettivamente rispondente alle esigenze riferite al suo intero orizzonte temporale: ecco dunque perché il legislatore della MiFID pone il proprio focus sulla prestazione del servizio in sé e non sull’operatore che eroga la consulenza.

 

Auspichiamo che le nostre considerazioni vengano condivise da tutti gli interlocutori e che il quadro normativo accolga il nostro contributo, anche rispetto al passaggio dell’attività di vigilanza da Consob ad APF, alla luce degli ottimi risultati dimostrati e dell’efficienza del suo operato in questi anni di tenuta dell’Albo.

 

Maurizio Bufi, presidente Anasf

 

Ti interessa questo argomento? Leggi anche:
  • Leadership al femminile: le pf aumentano
    02/12/2014 Leadership al femminile: le pf aumentano Ma sono ancora tanti gli ostacoli per una carriera in rosa nel mondo del gestito. La differente percezione del tema tra uomini e donne negli esiti di una ricerca Anasf - Learning Edge
  • Albo Unico, Ascosim: non perdiamo di vista il disegno di legge
    01/12/2014 Albo Unico, Ascosim: non perdiamo di vista il disegno di legge Il testo del Disegno di Legge è frutto di un lavoro svolto in prima persona dai tecnici del Ministero dell’Economia in stretta collaborazione con l’Autorità di Vigilanza, l’Organismo di gestione dell’APF e delle associazioni dei consulenti (ex-promotori) e dei consulenti finanziari. Ecco perché il dibattito sull'indipendenza è inopportuno
  • Consulenti (ex-promotori), grande sconto sul contributo APF. E parte un progetto "al femminile"
    01/12/2014 Consulenti (ex-promotori), grande sconto sul contributo APF. E parte un progetto "al femminile" L'Organismo per la tenuta dell'Albo si è riunito venerdì in assemblea. Tra i temi il livello della quota da versare dai singoli iscritti. Obiettivo scendere sotto i 90 euro. E intanto il gruppo Pf al Femminile ottiene un primo importante risultato.
  • Albo Unico, "Non c
    28/11/2014 Albo Unico, "Non c'è nessuna Casa della Consulenza. Esiste un progetto istituzionale" Marco Tofanelli, segretario generale Assoreti e vice presidente dell'Organismo per la Tenuta dell'Albo dei Consulenti Finanziari (ex-promotori finanziari) invita a riportare il dibattito sul nuovo Albo su binari "istituzionali" e ricorda: "il primo obiettivo è la tutela del risparmiatore, non dei professionisti".
  • Albo Unico, si riaccende il dibattito sull
    28/11/2014 Albo Unico, si riaccende il dibattito sull'indipendenza I consulenti finanziari non sono disposti a rinunciare all'aggettivo "indipendente" e sostengono a gran voce la necessità di creare un organismo esclusivamente dedicato ai fee only

Le ultime da Advisor Professional

BNP Paribas AM: ago su risk-on post correzione azionaria

Guillermo Felices, Senior Market Strategist del team Multi Asset Solutions di BNP Paribas AM, in questo video analizza gli eventi di mercato più im...

Continua a leggere...

Iscriviti qui alle newsletter, inserendo il tuo indirizzo e-mail: