avatar

28/10/2014

Stress test: nel club delle bocciate, chi rischia di più?

di Redazione Advisor

Highlights
La News

Sono 13 gli istituti di credito della zona euro che hanno fallito l’esame sugli attivi condotto dalla Banca centrale europea. Ma il destino delle banche bocciate non è il medesimo e occorre distinguere tre situazioni differenti: “Nella maggior parte dei casi, sarà possibile trovare una soluzione per rafforzare il capitale - rassicura David Benamou, ceo di Axiom, boutique francese specializzata sul settore bancario (nella foto) -. Un istituto non sarà in grado di andare avanti come banca pienamente operativa e su altri due rimane il punto interrogativo”. A differenza di molti altri analisti e operatori, l’ad di Axiom fa nomi e cognomi. Le tre situazioni più incandescenti sarebbero Österreichische Volksbanken, Permanent TSB e l’italiana Banca Carige: “Per gli ultimi due, spiega Benamou, il verdetto è ancora aperto”.

 

Tra le sorprese positive l’ad indica Banco Popular e Commerzbank. Negativo è il giudizio su Monte dei Paschi. Le criticità della banca più antica del mondo erano note. La sorpresa sta nelle dimensioni dell’ammanco di capitale emerso dall’analisi sugli attivi: l’impatto dell’Asset quality review sul common equity core tier 1 di Rocco Salimbeni è infatti di 320 punti base.

 

In generale, Benamou  ritiene che l’operazione trasparenza condotta da Bce ed Eba sia da considerare un successo: ha costretto le “zombie banks” ad uscire allo scoperto. Ha ripristinato la  fiducia degli investitori: “il mercato voleva vedere scorrere del sangue, ricorda l’ad -. Avevamo stimato che per dimostrare la solidità dell’esercizio di pulizia, la Bce dovesse mettere in luce un aumento dei crediti deteriorati tra il 10 e il 15%. Il numero finale è del 16%. Da questo punto di vista lo stress test è un successo. Tuttavia”, conclude Benamou, “questo non sarà sufficiente a innescare un significativo aumento del credito in Europa”.

Ti interessa questo argomento? Leggi anche:

PENSATI PER TE:

ISCRIVITI

Iscriviti qui alle newsletter, inserendo il tuo indirizzo e-mail: