avatar

08/07/2017

Senatore Marino: "La consulenza Mifid non è per pochi eletti"

di

Highlights
  • "Coloro che raccoglieranno la sfida otterranno diversi vantaggi"
La News

Il presidente dell'Organismo per la vigilanza e la tenuta all'Albo unico dei Consulenti Finanziari (OCF), Carla Rabitti Bedogni è fiduciosa sulla conclusione dell'iter per il passaggio delle funzioni di vigilanza dalla Consob a OCF entro giugno 2018 anche perché, come spiega ad Advisoronline, "dai tavoli tecnici che abbiamo realizzato per arrivare a individuare un'organizzazione della vigilanza, è emerso di fondo una voglia di vigilanza efficiente, sia da parte dei consulenti finanziari abilitati, sia da parte dei consulenti finanziari autonomi". 

 

Un clima che ha messo l'OCF in condizione di avviare un dialogo costruttivo con Camera e Senato, e "la relazione di quest'anno apre la porte a un ruolo più istituzionale dell'Organismo" conferma ad Advisoronline il senatore Mauro Maria Marino che non si sbilancia sui tempi di chiusura dell'iter che porterà al passaggio di consegne tra Consob e OCF, ma si mostra ottimista e invita tutti ad ampliare il proprio raggio d'azione: "non dobbiamo limitarci ad analizzare la Mifid II esclusivamente sulla base degli effetti sull'operatività dei consulenti finanziari, serve un respiro più ampio che porti tutti gli attori coinvolti a cogliere il principio che accompagna la direttiva europea: la tutela del risparmio" chiosa Marino che ammette di "lavorare per sensibilizzare gli attori del mercato a temi ben più ampi dei normali orizzonti di business. Solo se condivideremo tutti gli stessi orizzonti raggiungeremo un risultato importante, per l'industria, per i risparmiatori e per l'intera società". 

 

Ed è fuor di dubbio che dopo l'entrata in vigore della prima Mifid abbiamo registrato uno sviluppo importante della consulenza finanziaria, ma rimane alto il rischio che la consulenza finisca con l'essere un servizio riservato ai grandi patrimoni. "Esiste questo rischio" ammette Marino "anche perché al momento l'obiettivo dell'industria è stato quello di creare le condizioni per cui la consulenza finanziaria potesse essere retribuita. Ma se ci si limita a questo aspetto il rischio è aprire la via della consulenza solo ai grandi patrimoni, mentre chi non ha le disponibilità economiche sarà spinto a cercare vie alternative che, al momento, sembrano arrivare dal fintech".

 

Ed è un male? "No, ma è un fenomeno da monitorare" risponde il senatore. "Affidare la gestione dei propri risparmi esclusivamente a un algoritmo può produrre danni. L'algoritmo è per sua natura quantitativo ed è impensabile credere di poter affidare la gestione dei propri patrimoni esclusivamente ad un meccanismo che può presentare gli stessi limiti, ad esempio, di un motore di ricerca su Internet. Proiettare queste logiche nella consulenza finanziaria non credo sia la soluzione".

 

Rimane però il nodo dei costi che rischiano di essere troppo elevati quando si parla di consulenza finanziaria, e la capacità da parte dei singoli risparmiatori di valutare la qualità di un servizio di consulenza finanziaria resta ridotto. In questo scenario l'approdo al fintech appare quasi inevitabile. "Proprio per questo, e per evitare di demonizzare il fintech, credo sia importante lavorare parallelamente sullo sviluppo del mercato della consulenza finanziaria e sull'educazione finanziaria dei cittadini. Come ho ricordato nel mio intervento durante la relazione annuale dell'OCF, nel Regno Unito è stato dimostrato che un cittadino più informato e più consapevole registra un incremento del suo reddito previdenziale mediamente di 3.000 sterline. Non solo" continua Marino. "Sono convinto che i consulenti che sapranno raccogliere la sfida di servire i clienti più deboli e proveranno ad avvicinare al percorso della consulenza patrimoniale anche le fasce basse o medio-basse, non solo registreranno una crescita del proprio portafoglio personale ma anche, e soprattutto, miglioreranno la qualità della vita dei loro clienti e avvieranno un circolo virtuoso positivo per il Paese".

 

Una strada lunga e non semplice, ma "bisogna insistere" chiosa il senatore che considera la Mifid II, da questo punto di vista, "un aiuto": "la direttiva aiuta perché spinge molto sul tema dell'educazione finanziaria e della formazione professionale dei consulenti, due elementi che devono andare di pari passo. Gli attori che saranno in grado di recepire questo cambiamento e investiranno in questa direzione otterranno diversi vantaggi. Coloro che non raccoglieranno questa sfida perderanno delle opportunità" conclude Marino.

Ti interessa questo argomento? Leggi anche:
  • OCF vuole la vigilanza entro giugno 2018
    06/07/2017 OCF vuole la vigilanza entro giugno 2018 In occasione della presentazione annuale dell'Organismo, Carla Rabitti Bedogni manifesta apprezzamento per le ultime novità relative al testo di recepimento della Mifid II. E annuncia la decisione di voler puntare su una vigilanza "risk-based"
  • MiFID II, porte aperte al consulente "senza albo"
    17/06/2017 MiFID II, porte aperte al consulente "senza albo" Questo lo scenario che potrebbe crearsi se passasse senza modifiche l'art. 27 che dietro alla "libera prestazione di servizi" offre la possibilità di avvalersi anche di...
  • Offerta fuori sede: Consob e OCF divisi sul destino dei fee-only
    15/06/2017 Offerta fuori sede: Consob e OCF divisi sul destino dei fee-only Sono stati sentiti in via informale al Senato. Rabitti Bedogni, presidente dell'albo unico, chiede l'abrogazione dell'articolo 30bis del decreto attuativo della MiFID II, mentre il commissario Di Noia auspica una soluzione di equilibrio tra libera concorrenza e tutela dell'investitore
  • Anasf, a rischio l
    17/05/2017 Anasf, a rischio l'autonomia dell'OCF È questo uno dei nodi critici della bozza di decreto che introduce in Italia la MIFID II. Un decreto "promosso" da Maurizio Bufi ma che presenta alcune anomalie.
  • Al via la nuova campagna di comunicazione di OCF
    07/04/2017 Al via la nuova campagna di comunicazione di OCF Immagini, testi, video e spot radiofonici sono stati ideati metaforicamente il valore dell’attività del CF alla rinomata maestria e cura italiana in diversi settori e ambiti di impiego

Le ultime da Advisor Professional

Dove si è perso l’euro forte?

A inizio anno la maggioranza degli investitori sembrava scommettere sull’Euro forte per il 2018. Nell’ultimo mese però il cambio si è mosso in dire...

Continua a leggere...

Iscriviti qui alle newsletter, inserendo il tuo indirizzo e-mail: