Consob, nuova stretta sulle criptovalute

Come si legge in una nota dell’authority “le società del ‘Gruppo Binance’ non sono autorizzate a prestare servizi e attività di investimento in Italia
15/07/2021 | Redazione Advisor

Nuova stretta della Consob sulle criptovalute. Come si legge in una nota dell’authority “le società del ‘Gruppo Binance’ non sono autorizzate a prestare servizi e attività di investimento in Italia, nemmeno tramite il sito www.binance.com le cui sezioni denominate ‘derivatives’ e ‘Stock Token’, relative a strumenti correlati a cripto- attività, sono risultate in precedenza redatte anche in lingua italiana”.

L’istituto guidato da Paolo Savona sollecita i risparmiatori "ad usare la massima diligenza al fine di effettuare in piena consapevolezza le scelte di investimento verificando preventivamente che i siti internet mediante i quali si effettua l’investimento siano riconducibili a soggetti autorizzati”.

E invita, inoltre, a “prestare la massima cautela nell’effettuare operazioni su strumenti correlati a cripto-attività (crypto-asset) che possono comportare la perdita integrale delle somme di denaro utilizzate e si raccomanda di attenersi sempre alla regola generale di considerare l’adesione a proposte contrattuali solo quando se ne abbia un’adeguata comprensione e solo quando siano assistite da informazioni chiare e complete anche sull’identità della controparte contrattuale che si propone eventualmente come prestatore di un servizio”.

In più, conclude la nota della Consob, “è, in ogni caso, importante che i risparmiatori siano informati che le operazioni su strumenti correlati a cripto-attività possono presentare rischi non immediatamente percepibili, per la loro complessità, per l’elevata volatilità dei prezzi di tali strumenti nonché per i malfunzionamenti e gli attacchi informatici cui possono essere soggette le infrastrutture informatiche utilizzate per tali operazioni”.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.