avatar

07/12/2012

Pf-OAM, una vittoria a metà. Per ora

di Andrea Giacobino

Highlights
La News

 

I consulenti finanziari (ex-promotori finanziari), e con loro l'Anasf guidata da Maurizio Bufi e l'APF presieduto da Giovanna Giurgola Trazza e guidato da Giuseppe Capobianco hanno vinto una prima, grossa e importante battaglia. E anche ADVISOR può dire legittimamente di aver contribuito a questo successo. L'altroieri, infatti, con 127 voti favorevoli, 23 astensioni e 17 voti contrari il Senato ha votato la fiducia al cosiddetto “Decreto Crescita” che approva, tra le altre cose, anche l'esenzione dall'iscrizione nell'elenco degli agenti in attività finanziaria da parte dei consulenti finanziari (ex-promotori finanziari).  In particolare, l'articolo 36, comma 10 quater, I, di conversione d.l. 179/2012, del testo approvato al Senato  prevede che  "all'art. 7, comma 1 bis d.lgs. 19 settembre 2012 n.169 sono soppresse le seguenti parole: "...purché i finanziamenti o i servizi di pagamento siano volti a consentire agli investitori di effettuare operazioni relative a strumenti finanziari".

 

Ovvero niente più OAM per i pf. Viene meno, quindi, quell'obbligo della doppia iscrizione all'Albo e all'OAM che Bufi aveva bollato come una “mostruosità giuridica” e che per la Giurgola Trazza era una normativa semplicemente “senza senso”: un provvedimento inserito in un decreto governativo approvato dal consiglio dei ministri lo scorso 14 settembre, quando invece il lavoro delle commissioni Finanze di Camera e Senato aveva chiaramente fatto capire come a regolamentare i consulenti finanziari (ex-promotori finanziari) bastassero la Consob e l'iscrizione all'APF. 

 

ADVISOR contro questo assurdità, foriera anche di un aggravio dei costi per i professionisti della consulenza finanziaria, era subito scesa in campo indirizzando una lettera aperta al Presidente del Consiglio Mario Monti, che è stata sottoscritta da centinaia di consulenti (ex-promotori). Va riconosciuta anche la particolare sensibilità dimostrata sul tema da alcuni senatori rigorosamente bipartisan, da. Rosario Giorgio Costa (PdL) a Maria Leddi (Pd), fino a Maria Ilda Germontani (PdL) e Elio Lannutti (Idv). Adesso settimana prossima il responso passa alla Camera per l'ok definitivo e la conversione in legge: l'appuntamento è importante, ma i consulenti finanziari (ex-promotori finanziari) e chi li ha sostenuti in questa battaglia sono fiduciosi di festeggiare sotto l'albero di Natale l'altra metà della vittoria.

Ti interessa questo argomento? Leggi anche:

Le ultime da Advisor Professional

Schroders: l'asset allocation di Febbraio 2018

Di seguito l'aggiornamento mensile contenente le indicazioni di asset allocation formulate a Febbraio per Marzo dal Team Multi-Asset di Schroders. ...

Continua a leggere...

Iscriviti qui alle newsletter, inserendo il tuo indirizzo e-mail: