Per Hedge Invest il 2014 sarà un anno ancora bullish

Il gestore alternativo continua a puntare sugli asset rischiosi, in particolare in Europa. Bond: meglio i paesi periferici e il credito bancario
10/12/2013 | Massimo Morici
Hedge Invest continua a puntare sugli asset rischiosi. Secondo l’asset manager specializzato in fondi alternativi, le azioni offriranno il migliore rapporto rischio /rendimento anche nel 2014, grazie anche al supporto fornito dai flussi in entrata derivanti dalla rotazione al di fuori dei mercati obbligazionari, appena iniziata. “Quanto ai fondamentali, prevediamo uno scenario di forte differenziazione fra i titoli, che renderà indispensabile un approccio di investimento selettivo”, si legge nell’outlook di dicembre.

Considerando i diversi mercati azionari, il gestore alternativo preferisce quelli europei: "la differenziazione fra i titoli - prosegue l'outlook - prospetta uno scenario ideale per la generazione di valore sia per la parte lunga sia per quella corta, in presenza di una crescita economica ancora debole che comporterà una ripresa degli utili molto selettiva".

Quanto ai mercati obbligazionari, Hedge Ivest si aspetta una normalizzazione delle curve dei rendimenti a seguito della graduale riduzione degli acquisti mensili di obbligazioni da parte della Fed. In particolare, il gestore italiano di fondi hedge è negativo sui governativi USA e dei paesi Core dell’Eurozona, sulle obbligazioni societarie investment grade in America e nell’area euro e sulle obbligazioni dei paesi emergenti. Resta , invece, moderatamente positivo sui bond governativi dell’Europa periferica, da approcciare con selettività, sul credito strutturato negli USA e sul credito bancario dell’Eurozona, da implementare però con un approccio fortemente selettivo: nel 2014 le banche europee, infatti, andranno incontro agli stress test della Bce.

Passando alle strategie alternative, il gestore rimane positivo su quelle con approccio di investimento di tipo “bottom up”, sulle strategie long/short equity e sulle event driver. In ambiente obbligazionario, preferisce gestori con approccio opportunistico e flessibile, mentre rimane moderatamente positivo sui fondi con approccio “top down” e negativo sui CTA. 

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.