Warren Buffett, ecco la sua "energia"

Negli ultimi anni, l'Oracolo di Omaha ha aumentato la sua esposizione nelle aziende energetiche statunitensi, aggiungendo importanti scorte energetiche al suo portafoglio
31/12/2013 | Redazione Advisor

Gli Stati Uniti potrebbero diventaret  energicamente autosufficienti nel 2035. La notizia, riportata dal Financial Times, arriva dall'AIE (Agenzia Internazionale per l'energia) e Warren Buffett (nella foto) non l'ha certo ignorata. Negli ultimi anni, l'Oracolo di Omaha ha aumentato la sua esposizione nelle aziende energetiche statunitensi, aggiungendo importanti scorte energetiche al suo portafoglio.

 

La conferma arriva da tre suoi acquisti recenti. In primo luogo, Exxon, che con una capitalizzazione di mercato di oltre 400 miliardi di dollari, è la seconda più grande società quotata negli Usa. Negli ultimi cinque anni, l'azienda ha generato un ritorno sul capitale investito oltre il 25 %, il più alto rispetto ai suoi competitors. Inoltre , negli ultimi dieci anni , l'azienda ha riacquistato quasi la metà delle sue azioni in circolazione . Questo ha permesso agli investitori di aumentare la loro partecipazione. Buffett possiede 17.800 mila quote di questo sabbie bituminose in portafoglio.

 

Quest'anno, in secondo luogo, Buffett ha viaggiato verso il nord del Canada per trovare nuove opportunità di investimento. Nel mese di agosto, Berkshire Hathaway ha rivelato di aver accumulato una quota di 17.800 mila azioni nel più grande produttore di petrolio canadese, Suncor Energy. La nuova crescita della produzione verrà da Fort Hills progetto bitume minerario, e il ceo Steve Williams si è impegnato a guadagnarsi un ulteriore 100.000 barili al giorno. Il gasdotto supplementare e capacità ferroviaria di Alberta dovrebbero anche iniziare a ridurre lo sconto per sabbie bituminose, aumentando in tal modo la linea top di Suncor.

 

Infine, Philips. La società è proprietaria di 15.000 chilometri di oleodotti e gasdotti, più che sufficienti per circondare il pianeta, che si muovono milioni di barili di petrolio prezioso e gas in tutto il paese, ogni giorno. Questo assicura una costante domanda di commodity. Nel frattempo, la società sta beneficiando di una carenza di infrastrutture energetiche negli Stati Uniti e sta facendo soldi a palate con l'acquisto a buon mercato di greggio domestico e vendita di prodotti petroliferi a livello internazionale. E perché le soluzioni a questi problemi - come il sollevamento dai divieti di esportazione di petrolio, la costruzione di nuove raffinerie , e la posa di nuove condotte - sono questioni politicamente sensibili, Phillips è probabile che continui a guadagnare rendimenti in eccesso per gli anni a venire.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.