avatar

30/01/2014

Equity emergente, le opportunità sono nel lungo termine

di Alessandro Chiatto

Highlights
  • mercati emergenti sono scambiati a un considerevole sconto rispetto alla loro media storica
La News

Il 2014 sarà ancora un anno problematico per i mercati azionari emergenti, ma qualche segnale di ottimismo c'è. Lo sostiene Devan Kaloo, head of global emerging markets di Aberdeen, nell'outlook sull'azionario per l'anno in corso. 

 

"I mercati emergenti hanno vissuto una fase difficile nel 2013 poiché la prospettiva di un inasprimento della politica monetaria accomodante da parte della Federal Reserve statunitense ha tenuto in allerta gli investitori, mentre i deflussi di capitali hanno posto l’accento sui crescenti squilibri economici dei paesi in via di sviluppo.

 

Anche se i mercati si sono sono relativamente stabilizzati negli ultimi mesi, l’anno a venire potrebbe dimostrarsi comunque problematico. Tanto per fare un esempio, la decisione della Fed riguardo ai tempi e alla portata del processo con cui chiuderà il suo programma di acquisto di asset nel 2014 potrebbe provocare nuovi stress di mercato a breve termine".

 

"Ciononostante, non mancano le ragioni per mantenersi ottimisti riguardo alle prospettive di lungo termine dei mercati emergenti, anche se le ultime notizie sembrano suggerire una diversa interpretazione. In particolare i fondamentali dei mercati emergenti, a differenza delle controparti sviluppate, restano solidi e sono migliori che in periodi precedenti di crisi. In linea generale, i livelli del debito pubblico sono bassi e i fattori demografici favorevoli. Le economie si sono mantenute in buone condizioni nonostante il rallentamento, mentre le società hanno aumentato la redditività e vantano un indebitamento ridotto, anche rispetto alle controparti nei mercati sviluppati".

 
 
"È pur vero che le prospettive sul fronte della domanda si sono indebolite e le imprese stanno subendo pressioni sui costi, ma quelle meglio gestite si adopereranno comunque per ampliare i margini. All’interno dei singoli paesi e nel mondo delle imprese è in corso un processo di adeguamento che avrà da ultimo ricadute positive per questi mercati, nonostante alcuni contraccolpi a breve termine. La correzione 
ha offerto nuove opportunità di acquisto, anche perché molti dei timori sono già scontati nelle valutazioni correnti. Attualmente i mercati emergenti sono scambiati a un considerevole sconto rispetto alla loro media storica e alle controparti sviluppate. Pertanto, anche se il quadro rimane incerto, non mancano le opportunità da cogliere per chi attua una ponderata selezione dei titoli con una visione di lungo termine".

Ti interessa questo argomento? Leggi anche:
  • Invesco: il tapering durerà fino a metà 2015
    29/01/2014 Invesco: il tapering durerà fino a metà 2015 Per il 2014 la Fed continuerà a ridurre gli acquisti di asset ma a un ritmo più lento fino a quando non entreranno in scena le banche
  • L
    28/01/2014 L'ingiustificato panico sugli emergenti La salute dei mercati emergenti è molto più solida rispetto a 15 anni fa. Lo afferma Peter Marber, head of emerging market investments, di Loomis Sayles & Company (gruppo Natixis Global AM)
  • Fondi, tutti i segreti per selezionare i migliori - VIDEO
    28/01/2014 Fondi, tutti i segreti per selezionare i migliori - VIDEO Alessandro Costa, analista indipendente, spiega ai microfoni di AdvisorOnline.it, quali sono i trucchi e i segreti dell'attività di funds selector
  • Azimut mette nel mirino gli emergenti
    27/01/2014 Azimut mette nel mirino gli emergenti Dopo un 2013 chiuso con 3,2 miliardi di raccolta e un risultato netto di 130-160 milioni di euro, Azimut si prepara a un 2014 decisamente sfidante. L'ad Giuliani: "Non fermeremo il nostro processo di crescita"

Le ultime da Advisor Professional

A che livelli l’inflazione potrebbe diventare un problema?

Il 2 febbraio la pubblicazione dei dati relativi alle buste paga del settore non agricolo negli USA ha innescato una correzione del 10% dell’indice...

Continua a leggere...

Iscriviti qui alle newsletter, inserendo il tuo indirizzo e-mail: