Novelli, (Lemanik): "Mercato più forte delle banche centrali"

Emblematico il caso Italia e la pressione sui bond nonostante la Bce sia ancora impegnata nel QE, ecco perché gli istituti centrali in alcuni casi hanno un margine di manovra davvero ridotto
19/06/2018 | Redazione Advisor

"La pressione sui bond dell’Italia è avvenuta nonostante la Bce sia ancora impegnata nel quantitative easing e dimostra che il mercato è molto più forte delle banche centrali se decide di prendere una direzione. Le pesanti cadute sui Btp e il rischio di contagio ad altri segmenti del credito dimostrano che siamo vulnerabili come non mai a potenziali riduzioni della propensione al rischio e l’impatto sui tassi sfugge totalmente al controllo delle banche centrali”. A dirlo è Maurizio Novelli, gestore del Lemanik Global Strategy Fund che prosegue nella sua analisi considerando che il profilo di rischio del sistema finanziario non è però mai stato così alto nella storia, dato che il 45% di tutti i bond in circolazione nel mondo sono high yield. Questa percentuale di credito speculativo è la fotografia di un sistema che ha spinto eccessivamente nella ricerca del rendimento a tutti i costi e ora non ha nessuna possibilità di modificare il suo profilo di rischio senza procurare un credit crunch e una recessione. Questa situazione evidenzia una cosa molto importante: i margini di manovra delle politiche monetarie sono limitati e gli spazi di intervento in caso di crisi si sono ridotti.

 

“L’economia internazionale continua intanto a rallentare dal suo picco ciclico di fine 2017 e gli Stati Uniti rimangono, per ora, la sola economia occidentale che cresce sopra il suo potenziale. Ovviamente questa situazione diventa sempre meno sostenibile perché richiede che l’America continui nell’espansione del debito e nell’accumulo di un deficit commerciale che l’amministrazione Trump vorrebbe invece ridurre”, spiega Novelli. “Chiedere alla Cina di ridurre il surplus commerciale di 200 miliardi di dollari è un’operazione quasi impossibile senza una restrizione del commercio mondiale. Il problema del deficit Usa non può essere risolto in questo modo e i rischi di dazi commerciali tra Stati Uniti e Cina rimangono molto alti”.

 

Gli Stati Uniti rimangono il principale elemento di instabilità globale. La forza dell’economia americana non è sostenibile perché dipende eccessivamente dal debito finanziato da risparmio di Asia e Europa, proprio quelle aree dove l’amministrazione Trump vede una minaccia per il benessere perduto della classe media americana.  Su questo ancora l'esperto:“Il miraggio del Pil al 3% è stato toccato solo in alcuni trimestri dal 2009 a oggi, ma il Pil tendenziale rimane ancorato nell’area 1,8%-2,2% da sette anni, nonostante una forte spinta sul debito (+55% rispetto al picco del 2007)”, continua Novelli. “Intervenire con uno stimolo fiscale quando l’economia cresce, aumentando l’indebitamento pubblico a oltre il 100% del Pil, riduce lo spazio per interventi successivi quando l’economia richiederà misure ulteriori per crescere. In questo momento abbiamo i tassi Usa all’1,75% e il debito pubblico e privato nel sistema al 400% del Pil, i margini di manovra in caso di difficoltà sono limitati sia per la politica monetaria che per la politica fiscale, in concomitanza con una propensione al rischio degli investitori particolarmente elevata per ottenere rendimenti modesti”.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.