East Capital: la volatilità colpisce la Turchia

Molti fattori hanno innescato negli scorsi mesi un perdita nella Borsa di Istanbul alcuni legati alla politica di Erdogan altre legate ai fondamentali
02/08/2018 | Redazione Advisor

Il mercato azionario turco continua a essere investito da livelli elevati di volatilità, la Borsa di Istanbul perde l'8% in lire e il 13% in dollari tra il 10 e l'11 luglio.

 

La volatilità, come ricorda Emre Akcakmak, membro del team di gestione di East Capital, è iniziata in aprile-maggio, principalmente in concomitanza di alcuni eventi: il downgrade da parte di Moody's e S&P del rating sul credito sovrano in valuta estera della Turchia, l'annuncio di elezioni anticipate e il rapido deterioramento delle prospettive di inflazione.

 

Gli aumenti dei tassi cumulativi di 500 punti base della banca centrale al 17,75% hanno calmato la lira e il mercato azionario fino a questa settimana, quando a riaccendere la miccia è stato il presidente Erdogan ha annunciato il suo nuovo gabinetto dei ministri con la nomina del genero di Erdogan come ministro delle finanze, un nuovo decreto che riaccende i dibattiti sull'indipendenza della banca centrale e la percezione da parte degli investitori della "mancanza di un funzionario favorevole al mercato" nella squadra della nuova economia, in particolare la partenza dell'ex ministro Mehmet Simsek, hanno tutti contribuito al declino nel corso della settimana.

 

Akcakmak inoltre afferma che: "In termini di fondamentali economici, la situazione è più dura di quanto non sia mai stata negli ultimi 15 anni. L’inflazione ha raggiunto il 15,4% in giugno, la più alta negli ultimi 15 anni, e prevediamo un continuo aumento per i prossimi mesi. Il disavanzo delle partite correnti, storicamente il punto più debole dell’economia, finanziato anche quando era a livelli più alti, è ora vicino al 6% del PIL. Il debito estero si è accumulato, in quanto gran parte del disavanzo è stato storicamente finanziato dai prestiti in valuta estera, rendendo la Turchia ad essere molto dipendente dai finanziamenti esteri. I prestiti non performanti (NPL) sono bassi, solo al 2,9%, ma aumenteranno con la crescita dei debiti ristrutturati, specialmente nel settore energetico". 

 

"La banca centrale deve mantenere tesa la propria politica monetaria e forse stringere ancora di più fino a quando l'inflazione non inizierà a rallentare. L'economia probabilmente si attenuerà come una risposta a tassi più alti, vale a dire meno domanda di credito e perdita di fiducia dei consumatori. Un deficit delle partite correnti elevato non è sostenibile a tassi ufficiali di 4-5 punti base al mese, quindi dovrebbe anche scendere - implicando un'attività economica ancora più lenta" conclude l'esperto di East Capital. 

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.