UBP, BoJ: l'impatto sull'azionario giappone

Quali modifiche ha apportato in ambito di politica monetaria la Bank of Japan e quali conseguenze porteranno?
05/09/2018 | Redazione Advisor

I titoli finanziari giapponesi sono rimasti sottovalutati dato che la Bank of Japan ha lasciato in essere il controllo della curva di rendimento e il QQE. A fine luglio, la BoJ ha annunciato l'aggiustamento delle sue politiche e le azioni valure giapponesi hanno sovraperformato le growth. 

 

Cédric Le Berre, senior analyst and investment specialist US and japanese equities di Union Bancaire Privée analizza che: "Due delle principali modifiche apportate dalla BoJ sono state l'accettazione di un più ampio spettro di volatilità nei rendimenti dei titoli governativi a 10 anni e la riduzione forchetta all’interno della quale vengono applicati i tassi di interesse negativi".

Queste modifiche sono state attuate tenendo conto di un equilibrio tra la necessità di garantire sostenibilità di una politica monetaria allenatata e quella di affrontare gli effetti collaterali di queste misure per gli intermediari finanziari. 

 

L'esperto di UBP conclude che: "Questi aggiustamenti da parte della BOJ in considerazione degli effetti collaterali di una politica monetaria allentata sono in linea con il nostro scenario principale e riteniamo che vi sia la possibilità di ulteriori sviluppi in futuro. Confidiamo che questa notizia metta gli investitori che puntano su una strategia d’investimento value in una posizione di vantaggio". 

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.