Outlook 2020, il ritorno dell'azionario value

Secondo Schroders la rotazione di mercato che di recente ha portato le azioni europee value a sovraperformare i titoli growth proseguirà nel 2020
10/12/2019 | Redazione Advisor

L'indice Msci Emu Value ha reso negli ultimi tre mesi il 9%, sovraperformando l'indice Msci Emu Growth, che ha registrato una performance del 6,9% (dati a fine novembre). La domanda cruciale per gli investitori è se questa rotazione di mercato proseguirà anche nel 2020.

 

Secondo James Sym, gestore del fondo Schroder ISF European Opportunities, il rimbalzo dei titoli value è dovuto ai posizionamenti – cioè al fatto che molti investitori hanno evitato questa parte del mercato nel periodo precedente – e quindi ora i dati economici avranno un ruolo più importante da giocare. "Siamo vicini a un cambiamento di regime nei mercati, sostenuto da un cambio di mentalità da parte dei policymaker che ha fatto tornare in voga politiche fiscali e di spesa espansive" spiega il gestore. 

"Le valutazioni restano tirate" sottolinea Sym. "Ciò dovrebbe assicurare che il passaggio di leadership nel mercato – dai titoli quality o growth a quelli value – sia un fenomeno duraturo". 

"I dati indicano che le aziende europee stanno spendendo in misura maggiore rispetto agli anni passati. Nel frattempo, sembra che i consumatori siano in una posizione di maggiore forza, grazie all’aumento degli stipendi e al calo della disoccupazione. Questi elementi possono rappresentare le basi per una ripresa in Europa, con i cittadini dell’UE che dispongono di un po’ di denaro in più per le loro spese".

 

Date queste premesse, dove trovare le opportunità migliori? "Innanzitutto, i titoli ciclici value – azioni sottovalutate che sono sensibili al ciclo economico – sembrano attraenti" - prosegue il gestore di Schroders - " ci troviamo a un punto di svolta del ciclo e ci aspettiamo una ripresa globale più sincronizzata nel 2020.

Una classica strategia di investimento legata al ciclo del business è quella di acquistare titoli ciclici quando gli indici PMI sono bassi e le aspettative del consensus sono pessimistiche. Attualmente i PMI sono su livelli minimi, raggiunti l’ultima volta nel corso della crisi finanziaria globale. Le nostre previsioni quindi indicano un’inversione del ciclo in arrivo". 

 

"Questo ci porta a prendere in considerazione alcune aree del mercato che sono state ampiamente trascurate dagli investitori. Ad esempio, il settore oil & gas offre un potenziale significativo: molti titoli scambiano con valutazioni piuttosto depresse, ma potrebbero essere nella fase iniziale di un recupero, con i day-rate dei pozzi petroliferi in miglioramento e le grandi compagnie che stanno aumentando gli investimenti.  Un altro settore interessante è quello bancario. Il mercato ha attribuito valutazioni basse a molti istituti in base alla convinzione che i tassi d'interesse bassi – e i rendimenti obbligazionari bassi che li accompagnano – stiano comprimendo i margini, annullando ogni speranza di un ritorno ad una profittabilità significativa nel breve termine. Tuttavia, non occorre un movimento particolarmente ampio dei rendimenti perché il sentiment possa cambiare. Sono interessanti soprattutto quelle banche europee che possiedono franchise solidi e una quota di mercato significativa".

 

Secondo il gestore anche altre aree del mercato azionario, nonostante abbiano valutazioni più elevate offrono comunque opportunità d'investimento attraenti. Tra queste vi è la tecnologia: i semiconduttori ad esempio hanno ottenuto buone performance quest’anno e i prezzi di alcuni titoli potrebbero avere margine per crescere ancora. Infine, anche aree come software e computer service offrono opportunità. 

 

 

 

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.