Coronavirus, gli effetti della crisi sui bond

Gli effetti del Coronavirus sul mercato obbligazionario spiegati in tre dimensioni. L'analisi di Andrew McCormick di T. Rowe Price
19/03/2020 | Lorenza Roma

Per comprendere meglio la crisi che si sta attualmente sviluppando sui mercatiAndrew McCormick, head of fixed income di T. Rowe Price, ha commentato gli effetti del Coronavirus sui mercati obbligazionari spiegati in tre dimensioni: liquidità, disponibilità del credito ed emergenza sanitaria.

 

La liquidità è il campo di azione delle banche centrali. Se si considera la liquidità secondo una definizione più ristretta, la presenza di una quantità adeguata di denaro contante nel sistema, bisogna constatare che gli istituti centrali hanno adottato misure efficaci negli ultimi giorni. Se si considera invece la liquidità in senso più ampio come la condizione nella quale in mercati funzionano in modo efficiente, allora bisogna trarre conclusioni decisamente diverse. In questi giorni molti analisti e gestori di T. Rowe Price stanno compilando liste di obbligazioni da comprare che attualmente scambiano a prezzi da "affare del decennio".

 

In questo momento, sembra che il sistema non stia convertendo in modo efficiente la liquidità in disponibilità di credito. Vi sono diverse misure allo studio sia negli USA che in Europa per affrontare questo problema. Le politiche fiscali spesso sono più efficaci di quelle monetarie nel rispondere a questo tipo di dinamica. Come hanno appresso gli analisti di T. Rowe Price a Washington settimana scorsa, le prime leggi prodotte in risposta alla crisi non convinceranno i mercati.

 

Gli investitori sembrano abbastanza convinti che vi sarà una ripresa significativa una volta superata la fase in cui è necessaria la quarantena e la riduzione drastica dei viaggi. A un certo punto potrebbe esservi una ripresa piuttosto brusca degli asset rischiosi, accompagnata dalle stesse condizioni di scarsa liquidità che si sono registrate durante il crollo. Per concludere, secondo gli esperti di T. Rowe Price, in questo contesto bisogna continuare a cercare il valore, aumentando con cautela l’esposizione ai titoli i cui prezzi rappresentano opportunità attraenti nel lungo periodo. Allo stesso tempo, occorre prestare grande attenzione al posizionamento in termini di liquidità.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.