Mercati, ci vuole ancora pazienza

Secondo Amundi manca al momento un vero evento catalizzatore che faccia intravedere una soluzione della crisi
19/03/2020 | Redazione Advisor

La decisione della BCE di lanciare un nuovo piano di acquisto di bond da 750 miliardi di euro è l'ultima di una serie di misure volte a contrastare il rischio per le prospettive dell’eurozona rappresentato dall'epidemia di coronavirus e a preservarne la stabilità finanziaria, evitando la frammentazione del sistema finanziario della UE che ha caratterizzato la crisi dell'euro. Cosa succederà ora? Amundi si aspetta che arrivino ulteriori azioni dalle banche centrali e in ambito fiscale. Questa crisi tuttavia può rappresentare anche un'opportunità per l’Eurozona: a differenza della crisi dell'euro, il coronavirus colpisce tutti i paesi. L'incentivo a rafforzare il contesto istituzionale dell’area euro e a procedere verso una eventuale emissione di debito dell’Eurozona è più elevato che in passato: adesso siamo in un momento “ora o mai più” per l'Eurozona.

 

Circa l'outlook di mercato, Amundi ritiene che ci troviamo in un momento in cui è troppo tardi per vendere e troppo presto per comprare. Vendere ora potrebbe danneggiare la possibilità degli investitori di raggiungere i loro obiettivi di lungo periodo. I mercati rimarranno volatili alla ricerca di un “vero” evento catalizzatore che possa far intravedere una soluzione della crisi (un chiaro segnale di contenimento in Europa in un momento di spinta fiscale e monetaria coordinata, o la scoperta di una terapia medica). In questa situazione, l’asset manager mantiene una visione prudente sulle attività rischiose e una forte attenzione sulla liquidità. Nei mercati del credito, è probabile un aumento dei tassi di default così come una nuova ondata di declassamenti, in particolare tra le società statunitensi con rating BBB, che potrebbero cadere in territorio high yield.

 

A livello settoriale, secondo Amundi quello energetico sarà il più colpito tra gli emittenti HY statunitensi dal momento che anche i prezzi del petrolio stanno crollando. Nel complesso, c'è ancora spazio per un ampliamento dello spread, ma una volta calmata la tempesta, ci saranno opportunità per modelli di business più robusti. Un focus sulle aziende con buoni fondamentali sarà necessario per attraversare questa fase. Nei mercati azionari, il mercato ribassista potrebbe rivelarsi insolito e probabilmente di estrema intensità, ma non durerà così a lungo come quello del 2008-2009. Gli esperti mantengono  una visione costruttiva sulla parte finale dell'anno, prevedendo una forte ripresa dei prezzi di mercato, insieme a un miglioramento delle condizioni economiche.

 

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.