I trend secolari accelerati dalla pandemia

Capital Group analizza l’impatto del Covid-19 sulle prospettive degli investimenti growth per il prossimo decennio
29/07/2020 | Redazione Advisor

Che impatto avrà la crisi generata dalla pandemia sugli investimenti growth? “Ogni recessione del mercato è diversa” spiega Anne-Marie Peterson, equity portfolio manager di Capital Group.  “Ciò che è interessante del periodo attuale è che le aziende dirompenti del settore tech e dei beni di consumo, che erano in testa durante la fase di espansione, sono rimaste in testa. Di solito, i leader di mercato che entrano una fase di recessione non mantengono la loro leadership durante o dopo la crisi, ci troviamo davanti a un cambiamento epocale”.

 

Al 30 giugno, l'indice composito Standard & Poor's 500 era in calo del 3,1% rispetto all'anno precedente, ma questa cifra rappresenta la somma di diverse singole aziende. Il manager nota tuttavia che guardando sotto la superficie esiste un'ampia divergenza di rendimenti. “Da un lato, ci sono coloro che hanno beneficiato della domanda legata al coronavirus, come le piattaforme di e-commerce Amazon (+49%) e Shopify (+138%), e i servizi di streaming come Netflix (+41%). Dall'altro, ci sono state alcune aziende che hanno avuto delle difficoltà, come United Airlines (-61%), Royal Caribbean (-62%) e Boeing (-43%). Ed ecco che si è creata una dicotomia tra chi ha ottenuto grandi vantaggi e chi si è ritrovato a mani vuote".

 

In questo contesto la domanda chiave per gli investitori a lungo termine è: quali di questi fenomeni saranno duraturi? “Il Covid-19 ha accelerato il passaggio secolare verso la digitalizzazione. Come dichiarato da Tobi Lutke di Shopify, "stiamo vivendo il 2030 nel 2020", ed è l’accelerazione di un cambiamento strutturale destinato a durare a lungo”. 

 

“Penso che una delle cose più interessanti a cui potremmo assistere nel 2030 è una nuova versione di Davide e Golia: il trionfo delle piccole imprese e il potere degli individui rispetto alle grandi aziende” prosegue il portfolio manager. “Stiamo assistendo a una nuova ondata di fornitori di software online e aziende di e-commerce che stanno sviluppando strumenti per infrastrutture back-end che hanno il potenziale di fare emergere le piccole e medie imprese. Storicamente, per gestire un'attività di vendita al dettaglio erano necessari un alto budget d'investimento e un reparto IT di grosse dimensioni.

Gli strumenti in fase di sviluppo consentono di ridurre le barriere per raggiungere i clienti e gestire l'inventario. Qualcuno sarà in grado di avviare un'attività, vendendo T-shirt in tutto il mondo, ad esempio, in 15 minuti. Mentre i vantaggi della prima ondata di servizi online sviluppati da Google e Facebook erano andati a beneficio di poche grandi aziende, penso che la prossima ondata di progressi possa portare a una dispersione del potere economico e delle opportunità per le aziende più piccole”.

 

“La conclusione è che stiamo vivendo un'epoca di cambiamenti incredibili. E il cambiamento favorisce le opportunità per gli investitori attivi come noi. Oggi ci sono nuove società emergenti di cui forse non sentiamo parlare, ma tra dieci anni figureranno tra i nomi di spicco di coloro che forniranno valore aggiunto ai loro clienti. Da ogni crisi ne viene fuori qualcosa di buono” conclude la Peterson.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.