Mercati, verso un fine d’anno senza scossoni

I progressi sul vaccino e il rallentamento della diffusione dei contagi spingono ad essere ottimisti sugli asset rischiosi per le prossime settimane. L’analisi di BlueBay AM
20/11/2020 | Redazione Advisor

Le buone notizie riguardo ai progressi sul vaccino e gli ultimi dati sui contagi, che segnalano un possibile raggiungimento del picco dei contagi inducono ad avere una view tutto sommato positiva sull’andamento dei mercati nelle prossime settimane. Nel suo consueto commento settimanale Mark Dowding, cio di BlueBay Asset Management, manifesta un po’ più di ottimismo rispetto al solito.

 

Nonostante il quadro in miglioramento, secondo Dowding l’attenzione delle autorità continuerà a concentrarsi sul fornire il maggior supporto possibile all’attività economica nelle prossime settimane. “Le banche centrali sono preoccupate soprattutto per l’elevato tasso di disoccupazione e per il restringimento dei gap di output, in un momento in cui l’inflazione resta ben al di sotto dei target in gran parte delle economie. Ciò significa che continueranno con l’acquisto di asset per tenere i rendimenti bassi e restringere gli spread, con l’obiettivo di promuovere condizioni finanziarie accomodanti, anche se ciò significherà continuare ad alimentare l'inflazione dei prezzi degli asset nel breve periodo” spiega.

 

“Verrebbe da pensare che la volatilità possa calare verso fine anno” afferma il manager. “Il Vix resta vicino a 25 e siamo propensi a pensare che se i timori legati al virus verranno contenuti, allora le politiche monetarie e fiscali di supporto, sommate alle speranze per un outlook di crescita più rialzista nel 2021, potrebbero placare le preoccupazioni degli investitori e spingere la volatilità strutturalmente al ribasso nelle prossime settimane”.

 

“Ciò potrebbe dare ulteriore impeto al rally degli asset rischiosi e ne dedurremmo che gli elevati livelli di volatilità implicita potrebbero segnalare il nervosismo degli investitori, che li spinge a mantenere una liquidità abbondante, in attesa di usarla per compare sui ribassi.

Dato che la liquidità tenuta ferma inizia a scottare in un mondo di tassi di interesse negativi nell’Eurozona, verrebbe da pensare che sussista il desiderio di investirne di più prima che l’offerta e la liquidità inizino a ridursi, man mano che ci avviciniamo a dicembre” prosegue.

 

Settimana prossima ci sarà la pausa per il Ringraziamento, quindi sui mercati potrebbe regnare la calma. "Speriamo di continuare a vedere un calo dei contagi da Covid in Europa e il superamento dei picco massimo negli USA, in quanto gli ultimi giorni sembrano suggerire un appiattimento della curva. Se ciò si verificherà, per Natale potrebbe arrivare un po’ di sollievo, con Babbo Natale che metaforicamente porterà nella slitta la promessa del dispiegamento di un vaccino" commenta Dowding, che conclude: "Il 2020 è stato sfidante su molti fronti, ma ci sono diversi motivi per cui sentirsi ottimisti man mano che ci avviciniamo alla fine dell’anno, anche se l’aspetto malaticcio dell’albero di Natale al Rockefeller Centre di New York sembrerebbe suggerire il contrario" .

 

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.