Le mille bolle delle IPO

GAM mette in guardia dagli eccessi di entusiasmo sul mercato delle nuove quotazioni, che non vede attenuare la propria corsa in chiusura d’anno
21/12/2020 | Paola Sacerdote

La corsa per portare le aziende sul mercato non sembra rallentare. Doordash e Airbnb sono gli ultimi nomi di alto profilo a sfidare la gravità, con il prezzo delle IPO – già fissato a livelli più alti del previsto - che è stato comunque eclissato dai prezzi delle contrattazioni nel primo giorno di trading, che hanno registrato un picco superiore al +100%. Queste dinamiche hanno attirato molti commenti riguardo la bolla delle dot-com del 2000, ma è un paragone che ha un fondamento? Mark Hawtin, investment director e gestore del GAM Star Disruptive Growth di GAM Investments ritiene che ci siano effettivamente chiari segni di esuberanza irrazionale nel mercato delle IPO al momento, “ma a differenza del 2000, quando tutte le società innovative (sia quelle che realmente lo erano, sia quelle percepite come tali) avevano raggiunto valutazioni ingiustificabili, i titoli oggetto di IPO e legati al lavoro da casa sono un sottoinsieme che si inserisce in un quadro di valutazioni molto più razionale”.

 

Il panorama attuale potrebbe rivelarsi particolarmente adatto alla generazione di alfa nei prossimi 12 mesi.  “In oltre 25 anni di esperienza in questo settore, non abbiamo mai visto una tale dispersione di valutazioni e aspettative” osserva Hawtin. “Una mania alimentata dalla digitalizzazione di tutto, compreso il trading online, ha reso l’investimento in azioni ancora più semplice. Il risultato è di oltre 18.400 miliardi di dollari di asset detenuti dai clienti delle principali società di trading online, secondo The Ascent (parte di The Motley Fool). Molti di questi asset stanno inseguendo i nomi "caldi" che crescono sempre di più, con poca o nessuna considerazione per le valutazioni. Le IPO sono una parte importante di questo gruppo e secondo noi società come Doordash e Airbnb riflettono i livelli eccessivi che si sono raggiunti”.

 

Secondo Bloomberg, l'importo raccolto finora dalle IPO nel 2020 supera i 160 miliardi di dollari, un nuovo record. “Nel solo giorno dell'IPO di Doordash altre sei società hanno debuttato sul mercato, tra cui C3.ai, una società di intelligenza artificiale (160% in più rispetto al prezzo di emissione), PubMatic, una piattaforma pubblicitaria digitale (60% in più), e quattro nuove special purpose acquisition companies (SPAC), spesso chiamate anche “società di assegni in bianco” a causa della loro natura - inizialmente queste società sono totalmente liquide e non investite”.

 

“La capitalizzazione di mercato di Tesla (circa 600 miliardi di dollari all'11 dicembre 2020) è in linea con il valore di mercato di tutti i nomi storici dell’industria automobilistica. Ciò probabilmente implica che Tesla sostituirà l'intera industria automobilistica esistente o che la sua tecnologia di veicoli elettrici e batterie creerà un segmento completamente nuovo, rivoluzionario ed enorme nell’ambito dei trasporti e dell’energia. A nostro avviso, entrambi gli scenari sono difficili da giustificare”. Allo stesso modo, oggi, molte delle principali IPO vengono scambiate a valutazioni sconcertanti. Hawtin porta l’esempio di Doordash, che ha chiuso il suo primo giorno di negoziazioni con una capitalizzazione di mercato intorno ai 60 miliardi di dollari USA, pari a 21 volte il fatturato del 2020. Ma si possono ricordare anche Grubhub, Uber o Snowflake.

 

In conclusione, il gestore di GAM ritiene che parti dell'universo dell’innovazione presentino valutazioni molto tirate, in particolare nel campo delle IPO, dove gli investitori al dettaglio sembrano felici di pagare qualsiasi prezzo pur di acquistare azioni. Altrove, di converso, “crediamo che ci sia molto valore nella prossima ondata di innovazione in aree come l'automazione del “lavoro di conoscenza”, la sanità, l’industria, i trasporti e il fintech, ed è questo, a nostro avviso, il campo dove si può generare alfa”.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.