Il 2021? Un anno pieno di sorprese

Secondo l'outlook 2021 presentato oggi da Edmond de Rothschild AM, quest'anno gli investimenti responsabili giocheranno un ruolo chiave
14/01/2021 | Lorenza Roma

Dopo un anno straordinario per i mercati nel 2019, l'idea di rendimenti positivi, e talvolta anche a doppia cifra, per gli asset di rischio nel corso del 2020 non rappresentava di certo lo scenario più probabile. Eppure è proprio quello che è successo, anche in un anno che ha subito un grave shock economico e due ondate di pandemia, con la speranza che un vaccino possa porre fine alla crisi sanitaria nella seconda metà del 2021. Secondo l'outlook 2021 di Edmond de Rothschild AM, il 2021 come ogni anno, riserverà senza dubbio una serie di sorprese. Nonostante le attuali vertigini del mercato, gli esperti ritengono che gli asset di rischio possano continuare a crescere, almeno guardando alla prima parte del 2021.

 

Il mercato è nelle mani delle Banche Centrali, che si sono già impegnate a fornire maggiore sostegno anche nel 2021. La Fed continuerà ad ampliare il proprio bilancio e manterrà acquisti mensili per 120 miliardi di dollari in titoli del Tesoro e MBS fino a quando non saranno stati compiuti progressi sostanziali per quanto riguarda il ritorno la piena occupazione e l'inflazione non raggiungerà i livelli previsti. La situazione in Europa non è diversa. Non si prevede una battuta d’arresto da parte della BCE nel suo programma di espansione del bilancio prima di marzo 2022. Anche i governi hanno cambiato approccio. Sia gli Stati Uniti che la Germania hanno lanciato pacchetti di stimolo senza precedenti, a rischio di mettere tra parentesi l'obiettivo del pareggio del bilancio per tutto il tempo necessario. L'Unione Europea ha elaborato un proprio programma di stimolo utilizzando un'entità sovraeuropea per l'emissione di debito. Pragmatismo è più che mai la parola d'ordine. Per il momento, la politica fiscale nel 2021 sembra essere meno espansiva, ma non si possono escludere nuove misure per stabilizzare la ripresa.

 

I sondaggi si orientano su un ottimismo di fondo da parte degli investitori. Tuttavia, questo ottimismo non trova risconto nella costruzione di portafoglio - l'esposizione degli investitori ai rischi di mercato non è particolarmente al di sopra della media - né nelle valutazioni di asset spiccatamente ciclici, anche se gli investitori stanno gradualmente tornando ad essere ciclici da quando Pfizer ha presentato il suo vaccino. "Dal nostro punto di vista, stiamo sovrappesando il mondo azionario cercando il giusto equilibrio tra growth e value e tra le differenti aree geografiche", spiega Benjamin Melman, Global CIO Asset Management di Edmond de Rothschild AM. "Abbiamo una leggera preferenza per l'Asia: la ripresa della Cina è ben avviata e sembra sostenibile e paesi come Giappone, Corea del Sud e Taiwan sembrano avere l'epidemia sotto controllo, mentre stanno spingendo sull’acceleratore in termini di valutazioni interessanti e politiche fiscali favorevoli alla crescita. Tra i temi d'investimento che riteniamo più interessanti ci sono la Big Data Revolution e l'assistenza sanitaria, entrambi temi di crescita strutturale", aggiunge il CIO.

 

Alla luce di queste considerazioni, quale strategia dovremmo adottare e su quali asset class e zone geografiche dovremmo concentrarci nel 2021? Secondo Benjamin Melman, Global CIO Asset Management, e Jean-Philippe Desmartin, head of responsible investment di Edmond de Rothschild AM, nel 2021 gli investimenti responsabili, giocheranno un ruolo chiave. Aiutano a limitare il rischio e la volatilità, entrambi particolarmente elevati nell'attuale contesto travagliato, e offrono senza dubbio opportunità di rendimenti interessanti. Gli investitori stanno attraversando un periodo di cambiamento radicale che probabilmente stimolerà l'interesse per l’universo SRI. "Analogamente ad altre gravi crisi, come quella dei subprime del 2008, l'epidemia ci ricorda tempestivamente che abbiamo urgente bisogno di affrontare le questioni di sostenibilità ESG. Dobbiamo affrontare i rischi finanziari derivanti da questi problemi, pur riconoscendo che creano anche opportunità", concludono gli esperti.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.