Obbligazionario asiatico: le opportunità in Cina, Indonesia e India

Chang (PIMCO): “I bond di Giacarta in valuta locale prive di copertura offrono una discreta opportunità di generazione di reddito”
10/02/2021 | Daniele Riosa

“Nel contesto di una graduale ripresa globale, siamo costruttivi sul quadro macroeconomico in Asia”. Questa è la premessa di Stephen Chang, portfolio manager e gestore del PIMCO GIS Asia Strategic Interest Bond Fund di PIMCO, nel suo commento sulle opportunità dell’obbligazionario asiatico.

“Certo – mette in guardia il gestore - i mercati prezzano già in buona parte la ripresa e potrebbero verificarsi nuove ondate di volatilità sui mercati finanziari, ma siamo pronti a cogliere le opportunità che si presenteranno. Per il 2021, ci concentriamo sull'identificazione di opportunità specifiche per Paese e selezioniamo attentamente le posizioni di credito dove vediamo valore e un remoto rischio di default”.

Per quanto riguarda la Cina “il rimbalzo del PIL cinese nel 2021 sarà probabilmente guidato dai consumi e dai servizi. Il 2021 è il primo anno del 14° piano quinquennale della Cina (2021-2025), che a nostro avviso dovrebbe implicare una prospettiva economica stabile. Ci aspettiamo che il governo continui a enfatizzare la crescita di qualità e la mitigazione dei rischi. Mentre le riforme dal lato della domanda stimoleranno ulteriormente i consumi cinesi rafforzando la rete di sicurezza sociale e promuovendo l'accesso ai servizi e ai beni, creeranno anche nuove opportunità di investimento per la produzione e le infrastrutture ad alta tecnologia, di alta qualità e più rispettose dell'ambiente".

"Con i nuovi ambiziosi obiettivi climatici della Cina, non solo il governo fornirà supporto politico all'economia verde, ma è probabile che il capitale privato fluisca nelle industrie ad essa legate. Ci sono notevoli opportunità potenziali nel settore delle nuove energie in Cina, tra cui l'energia eolica e solare, le auto elettriche, i sistemi di stoccaggio dell'energia, le infrastrutture verdi e le attrezzature e i servizi legati all'ambiente”.

Venendo all’Indonesia, il manager si aspetta che “l'economia rimbalzi a circa il 4,8% nel 2021 dalla contrazione del -2% del PIL nel 2020, la sua più profonda recessione dalla crisi finanziaria asiatica del 1998. Anche se c'è un certo rischio per il rating del credito sovrano a causa dei deficit più elevati, riteniamo che il cambio della rupia indonesiana (IDR), i titoli di stato in valuta locale e le obbligazioni sovrane denominate in dollari statunitensi siano abbastanza ben ancorati”.  

“I buoni livelli di debito e di leva finanziaria dell'Indonesia – ricorda l’economista - garantivano al Paese una solida base investment grade prima dell'inizio della pandemia. Durante l'ultimo decennio, il livello del debito pubblico in rapporto al PIL è diminuito dal 57% nel 2004 al 41% nel 2020. Allo stesso modo, il debito estero è diminuito dal 55% al 36% del PIL. La riserva internazionale ufficiale della BI, pari a 135 miliardi di dollari, fornisce un forte cuscinetto sia per la rupia indoneisana che per i titoli di stato. Le obbligazioni indonesiane in valuta locale prive di copertura offrono una discreta opportunità di generazione di reddito grazie al sostegno della banca centrale e ai rendimenti più elevati rispetto ai mercati comparabili”.

Capitolo India. Il gestore si aspetta “che l'economia indiana rimbalzi a circa l'8,5% nel 2021 dal -9,7% del 2020. C'è anche una continua pressione per il deleveraging nel sistema finanziario e nelle imprese, che potrebbe indebolire la trasmissione dei finanziamenti di stimolo al settore privato. Inoltre, le agenzie di rating Moody's e Fitch hanno assegnato un outlook negativo al rating sovrano BBB- dell'India a causa dell'elevato debito pubblico, del deficit significativo e dello stress nel sistema finanziario. Anche se l'India non ha obbligazioni esterne sovrane, perdere il suo rating sovrano investment grade metterebbe comunque sotto pressione il credito assimilabile al sovrano e il corporate”.

Il manager vede “delle opportunità nel potenziale apprezzamento della sua valuta. La bilancia delle partite correnti dell'India è in surplus, con un livello previsto di 39 miliardi di dollari o l'1,5% del PIL quest'anno, per la prima volta dal 2007, date le deboli importazioni e i prezzi del petrolio. Insieme ai forti investimenti diretti esteri e ai flussi azionari, il surplus della bilancia dei pagamenti ha superato il 3% del PIL nel 2020”.

“A nostro avviso – conclude Chang - la banca centrale indiana continuerà probabilmente ad accumulare riserve di valuta e a permettere un maggior grado di apprezzamento della rupia indiana”.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.