Oro in calo, ma inflazione e dollaro debole lo rilanceranno

Shah (WisdomTree): “Il principale motore del calo dei prezzi del metallo giallo è stato il fatto che i rendimenti dei Treasury sono aumentati abbastanza bruscamente”
17/03/2021 | Daniele Riosa

L'oro è stato messo sotto pressione dall'aumento dei rendimenti delle obbligazioni governative statunitensi, i cui rendimenti a 10 anni hanno raggiunto l'1,6% nel marzo 2021, da un minimo dello 0,5% nell'agosto 2020. Ma come rileva Nitesh Shah, director research di WisdomTree, “la forte relazione inversa dell'oro con i rendimenti dei Treasury non è di buon auspicio”. 

“Tuttavia – argomenta il gestore - le aspettative di inflazione stanno aumentando rapidamente. L'aumento dell'inflazione è positivo per il prezzo dell'oro. I prezzi dell'oro tendono a reagire all'inflazione realizzata più che alle aspettative di inflazione. L'inflazione statunitense a febbraio era solo dell'1,7% ma questa quota è destinata a salire rapidamente, dato che i prezzi dell'energia oggi sono significativamente più alti rispetto a un anno fa. Quindi, se le aspettative di inflazione diventassero inflazione reale, potremmo vedere i prezzi dell'oro salire. In effetti, i rendimenti ‘reali’ dei Treasury potrebbero continuare a diminuire anche se i rendimenti nominali stanno aumentando, se le aspettative di inflazione saliranno ulteriormente”.

“I metalli preziosi – ricorda l’analista - sono scesi del 6,4% e sono stati l’unica asset class a non registrare guadagni in un mese altrimenti positivo per le materie prime. Mentre i ciclici hanno resistito alla corsa alle vendite dei mercati degli asset innescata da un forte aumento dei rendimenti dei titoli del tesoro statunitense, oro e argento non sono rimasti indenni. Il platino e il palladio, d'altra parte, sono rimasti sostanzialmente piatti nel corso del mese. I prezzi dell'oro sono scesi del 6,2% il mese scorso. Il principale motore del calo dei prezzi dell'oro negli ultimi tempi è stato, come detto, il fatto che i rendimenti dei Treasury sono aumentati abbastanza bruscamente".

"Ma questi ultimi - precisa - non sono l’unico fattore da prendere in considerazione per considerare le fluttuazioni dei prezzi dell'oro. Anche l'inflazione e la svalutazione del dollaro hanno un ruolo importante. Oggi l'inflazione è molto moderata, ma le aspettative relativamente ad essa stanno aumentando. Con un sostegno monetario molto forte, c'è il potenziale per un aumento sostanziale dell'inflazione negli anni futuri”.

“Così – prosegue l'economista - molti investitori mantengono una copertura finanziaria contro l'inflazione futura usando l'oro. Ma per oggi, con un'inflazione relativamente debole, i prezzi dell'oro sono sottotono. D’altra parte, questo apre potenzialmente un buon punto d'ingresso. Passando al dollaro statunitense, crediamo che esso sia su un percorso strutturalmente debole, con un indebitamento crescente. Il deprezzamento del dollaro è appena iniziato e, dato il ritardo nella relazione con l'indebitamento, questa tendenza potrebbe durare diversi anni”.

“Quindi, crediamo che i venti contrari dell'oro potrebbero essere abbastanza estemporanei, con l'oro che probabilmente farà meglio quando l'inflazione e il deprezzamento del dollaro prenderanno piede”, conclude Shah.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.