Inflazione, il vero test ci sarà a normalizzazione avvenuta

Sonja Laud (LGIM): “L'attuale dot plot della Federal Reserve mostra che il primo aumento dei tassi è previsto nel 2023”
24/03/2021 | Daniele Riosa

“Sulla base dei piani di vaccinazione sviluppati da Stati Uniti, Regno Unito e UE, il 75% della popolazione sarà completamente vaccinata entro la fine di agosto di quest'anno”. Sonja Laud, chief investment officer di Legal & General Investment Management (LGIM), spiega che “il successo del lancio del programma di vaccinazioni è un presupposto chiave per la ripresa economica ciclica prevista in questo 2021. I primi successi dei vaccini registrati negli USA e nel Regno Unito saranno importanti anche per l'UE nella riapertura delle sue economie”.

“Gli Stati Uniti – prevede l’esperta - dovrebbero registrare la ripresa più forte quest'anno, con ampi stimoli fiscali e monetari a sostegno di una ripresa guidata dai consumi. Si prevede che gli Stati Uniti raggiungeranno il livello di produzione economica pre-pandemia entro la fine dell’anno". 

“Durante la pandemia – ricorda l’analista - le banche centrali hanno fornito ancora una volta ampio sostegno e stimolo ai mercati finanziari, iniettando liquidità per tranquillizzarli e tagliando i tassi per sostenere l'economia. Con tassi di interesse globali prossimi allo zero, gli investitori si trovano ad affrontare la complessa questione di come soddisfare i propri obiettivi di rendimento gestendo allo stesso tempo gli obiettivi di rischio”.

Poiché i rendimenti sono quasi ai minimi record “le aspettative di ottenere ritorni sono ridotte e la protezione dai ribassi in mercati volatili è limitato. Il rischio di crescenti pressioni inflazionistiche finirà per aumentare la pressione sulle banche centrali affinché agiscano. L'attuale dot plot della Federal Reserve mostra che il primo aumento dei tassi è previsto nel 2023”.

"Gli effetti di base legati alle distorsioni della flessione dei mercati nel 2020 vedranno molto probabilmente l’inflazione superare il target nel breve termine, ma il vero test sarà nel 2022 e oltre, una volta raggiunta la piena normalizzazione”, conclude Sonja Laud.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.