Rischi ESG e diversity, temi chiave dell’investitore responsabile

Fonzi (DPAM): “Per un azionista, una prima importante linea d’azione consiste nello scambio, nell’impegno e nel dialogo con le imprese che mirano a promuovere le migliori pratiche”
13/04/2021 | Daniele Riosa

“La filosofia degli investimenti sostenibili e responsabili (SRI) si è notevolmente evoluta negli ultimi anni, passando da un approccio storicamente orientato all’esclusione a una strategia che promuove invece l’impegno e il dialogo tra investitori, azionisti, portatori d’interesse e società partecipate”. Alessandro Fonzi, cfa, deputy head of international sales – country head Italy di DPAM, rileva che “per un azionista responsabile, una prima importante linea d’azione consiste nello scambio, nell’impegno e nel dialogo con le imprese che mirano a promuovere le migliori pratiche, soprattutto in termini di governo societario ma anche di responsabilità sociale e d’impresa”.

Com’è possibile quindi far sentire la propria voce? “Il primo passo, quello più semplice, è l’instaurazione di un dialogo con il cda e il management. Un buon investitore ha il diritto, e il dovere, di richiedere informazioni sulla strategia ESG aziendale o di mettere in discussione i principi e i valori di buon governo societario dell’azienda partecipata tramite un impegno concreto e attivo. In secondo luogo, ogni azionista ha diritto, e il dovere, di votare alle assemblee degli azionisti senza alcun timore sull’incidenza o meno della propria opinione sull’esito della votazione”.

“Uno dei temi più di recente finito sotto i riflettori - rileva il gestore - è quello legato alla remunerazione del top management e al ruolo che i proxy advisor possono giocare con le loro raccomandazioni di voto. Relativamente a questo importante aspetto della vita societaria, riteniamo fondamentale il principio di trasparenza, in modo che gli azionisti possano valutare se la remunerazione prevista sia equa e responsabile. A tal fine, le diverse componenti del compenso, fisse e variabili, dovrebbero essere chiaramente descritte e la parte variabile vincolata a criteri chiari e completi di assegnazione, incluse misure volte ad impedire o limitare possibili conflitti d’interesse, che tengano conto anche di fattori non finanziari e legati alla responsabilità sociale d’impresa”.

L’analista sottolinea che “più in generale, anche come azionista di minoranza, è utile e importante far sentire la propria voce: aumentare la consapevolezza e mettere in discussione il modello di governance possono spingere il management ad adottare le migliori pratiche. Così come negli Stati Uniti, anche in Europa la pandemia ha acceso i riflettori su tematiche legate alla salute e alla sicurezza dei dipendenti, ma anche alla composizione dei consigli d'amministrazione, revisioni e bilanci, gestione del capitale. Le questioni relative alla diversity del consiglio di amministrazione, agli incentivi a breve e lungo termine e alla necessità di un controllo del rischio ESG a livello di consiglio, continueranno a crescere d'importanza nel 2021”.

“In linea con iniziative quali TCFD o Climate Action 100+, la questione del monitoraggio dei rischi ESG e climatici in particolare da parte del consiglio di amministrazione sta diventando una vera preoccupazione per gli azionisti”, conclude Fonzi.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.