La Cina traccia la rotta verso la carbon neutrality

Robeco analizza le sfide e i cambiamenti necessari per far raggiungere la net neutrality al maggior produttore mondiale di CO2 nel giro di 40 anni
20/04/2021 | Lorenza Roma

La Cina è il principale responsabile delle emissioni di carbonio nel mondo. Secondo l'Agenzia Internazionale dell'Energia (IEA), il paese rappresenta attualmente quasi il 30% delle emissioni globali di CO2, contro il 15% degli Stati Uniti e il 9% dell'Unione Europea. Saranno necessari investimenti colossali per aiutare la transizione, soprattutto in settori come le rinnovabili, l'elettrificazione dei trasporti e la produzione di energia nucleare. "L’obiettivo di emissioni zero di carbonio richiederà sforzi combinati in tre direzioni", ha spiegato Jie Lu, head of investments China di Robeco. "In primo luogo, un cambiamento nel mix del prodotto interno lordo (PIL) del paese, con un allontanamento dalle industrie ad alta intensità di carbonio, come manifatturiero e dell’edilizia, verso attività a minore intensità, come i servizi. In effetti, il graduale allontanamento della Cina dalle attività industriali è iniziato più di un decennio fa".

 

"Secondo, un cambiamento nel mix energetico del paese, che abbandoni il carbone e il petrolio in favore delle rinnovabili. Nonostante i notevoli investimenti in aree come l'energia idroelettrica, eolica e solare nell'ultimo decennio, l'economia cinese rimane pesantemente dipendente dai combustibili fossili. In particolare, la Cina è estremamente dipendente dal carbone, che è probabilmente la fonte di energia più problematica in termini di emissioni. Infine, anche i piani di compensazione del carbonio avranno un ruolo chiave. Persino con le misure più radicali, è improbabile che la piena decarbonizzazione sia raggiunta senza iniziative di compensazione", ha sottolineato l'esperto.

 

"Tuttavia, ci sono anche importanti differenze tra i settori. Per esempio, se le emissioni industriali hanno già raggiunto il picco quasi un decennio fa, le emissioni della produzione elettrica e termica, così come quelle del settore dei trasporti, non ancora. Ma ci sono segnali che la situazione stia lentamente cambiando. Per esempio, gli investimenti nella produzione di energia da carbone hanno subito un forte rallentamento negli ultimi anni. La transizione verso un settore dei trasporti più sostenibile richiederà anche cambiamenti drastici, e investimenti considerevoli come un maggiore uso di infrastrutture di trasporto pubblico, un'accelerazione nell'incremento dell'uso di veicoli elettrici e un ulteriore miglioramento dell'efficienza dei veicoli convenzionali alimentati a petrolio", ha aggiunto Lu.

 

"Dati i cambiamenti necessari nella maggior parte dei settori per raggiungere la neutralità dal carbonio, la questione chiave per gli investitori è identificare i maggiori rischi a cui potrebbero essere esposti e trovare le opportunità più interessanti. Indubbiamente, le aziende più esposte sono i produttori di combustibili fossili e, in particolare, le major del petrolio. Il loro core business è fondamentalmente in contrasto con la decarbonizzazione. Ma anche molti altri settori sono destinati a soffrire per una transizione mal gestita, tra cui il petrolchimico, l'acciaio e il cemento. Al contrario, le aziende in grado di sostenere la transizione beneficeranno del trend della decarbonizzazione. In alcuni casi, il probabile impatto della decarbonizzazione è già ben noto, ma in altri, le conseguenze rimangono difficili da cogliere appieno", ha dichiarato Lu che ha aggiunto "per ora, vediamo opportunità in tre aree principali. Le energie rinnovabili dovrebbero continuare a mantenere la quota maggiore degli investimenti. Ma anche i veicoli elettrici dovrebbero essere tra i grandi vincitori. Infine, gli ammodernamenti nelle reti elettriche e nelle tecnologie di immagazzinamento dell'energia, così come l'industria dell'idrogeno, probabilmente cattureranno una parte significativa degli investimenti totali. 

 

"Infine, se le rinnovabili ricopriranno il ruolo più critico nella transizione verso la neutralità dal carbonio, saranno anche necessarie ulteriori tecnologie di stoccaggio per affrontare i problemi di variabilità infragiornaliera e stagionale inerenti all'energia eolica e solare, e per decarbonizzare tutti i settori dell'economia. Da questo punto di vista, due tecnologie complementari - le batterie e l'idrogeno - giocheranno probabilmente un ruolo chiave data la loro capacità di convertire l'elettricità in energia chimica e viceversa. La Cina è già il leader mondiale nella produzione di batterie, rappresentando circa il 70% della capacità globale.  Nonostante il vuoto d'aria sperimentato all'inizio del 2020, la produzione si è ripresa piuttosto rapidamente. Nel frattempo, anche gli sviluppi dell'idrogeno sono destinati ad accelerare nei prossimi decenni. La China Hydrogen Alliance stima che l'idrogeno potrebbe rappresentare fino al 10% del mix energetico totale della Cina nel 2050, rispetto a meno dell'1% di oggi", ha concluso Lu.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.