M&G Investments, in atto una rotazione verso lo stile value

Secondo il gestore, dopo una prima ripresa nel settembre del 2020, si sono osservati movimenti sempre più energici quando sono iniziate a circolare le notizie positive sui vaccini
11/05/2021 | Redazione Advisor

"Nove mesi fa, i media finanziari titolavano sulla “morte degli investimenti value”. Lo stile di investimento sembrava prossimo alla resa dopo un decennio di sottoperformance. Al contrario, già allora sostenevo che i prossimi dieci anni saranno un periodo propizio agli asset con prezzi convenienti. Dall’inizio della ripresa di settembre, e in seguito ai movimenti più energici di novembre in concomitanza con le prime notizie positive sui vaccini, è praticamente impossibile trovare un report che non parli di grande rotazione verso il value investing", ha spiegato Richard Halle, gestore del fondo M&G (Lux) European Strategic Value di M&G Investments.

 

"Uno dei motivi più significativi dietro la prolungata fase di sottoperformance del value investing è stato il trend ribassista quarantennale dei tassi di interesse. Non sorprende che il ritorno verso questo stile di investimento avvenga contemporaneamente alla lenta risalita dei tassi. Pur apparentemente significativi, i rendimenti dei titoli di Stato sono ancora incredibilmente bassi rispetto agli andamenti storici e lo spazio per una discesa ulteriore è limitato. Tutto questo ci fa credere che i venti contrari al value potrebbero ora finalmente affievolirsi", ha precisato il gestore. "A mettere in difficoltà lo stile value è stato anche l’aumento delle aziende globali monopolistiche, il cui numero negli ultimi anni è cresciuto in modo esponenziale. Oggi queste aziende iniziano a essere in competizione l’una con l’altra, ad esempio a causa della sovrapposizione nell’offerta di contenuti digitali, della corsa affollata verso la prossima generazione di automobili o persino sul fronte dell’impiego di valute digitali. Le autority internazionali, d’altro canto, stanno esercitando un controllo sempre più stringente sull’operato delle big corporation. Si tratta di trend destinati a impattare negativamente queste società così ricercate sul mercato. Al contrario, il differenziale di valutazione tra le parti più costose e quelle più economiche del mercato non è mai stato così ampio, nonostante la rapida rotazione verso il value", ha aggiunto Halle.

 

"Il principale driver del ritorno al value risiede a nostro avviso in questa insostenibile dispersione delle valutazioni. Via via che il cambio di regime entra in atto, la sostenibilità’ precaria dei la sostenibilità rendimenti nella fascia alta del mercato dovrebbe indurre le valutazioni a ritirarsi. Al contempo, il miglioramento delle opportunità di rendimento nella parte bassa del mercato dovrebbe spingere le valutazioni al rialzo. Anche se il quartile più economico del mercato rappresenta un bacino interessante per trovare opportunità di investimento di lungo termine, è bene fare attenzione alle trappole. L’attenzione crescente degli investitori ai titoli value suggerisce di non investire in maniera indiscriminata. Una attenta selezione dei singoli titoli è dannosa. In conclusione, la dispersione delle valutazioni tra value e growth era già ai massimi storici prima della pandemia e dei successivi lockdown. Nonostante la recente ripresa, i titoli value devono ancora tornare ai livelli pre-Covid e le opportunità non mancano", ha concluso Halle.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.