Gestore della settimana: il potente trend di crescita del Fintech

Patrick Lemmens (Robeco): “La digitalizzazione in corso del settore finanziario è uno dei temi chiave che gli investitori dovrebbero osservare”
31/05/2021 | Paola Sacerdote

La digitalizzazione in corso nel settore finanziario è uno dei temi di lungo periodo che rappresenta una grande opportunità d'investimento. Ne abbiamo discusso con Patrick Lemmens, portfolio manager della strategia Global FinTech Equities di Robeco.

 

Dopo la tempesta causata dal Covid-19 lo scorso anno, quali sono le prospettive per il fintech nel percorso verso la ripresa globale? Quali le principali aree di crescita per il settore?

Nonostante le incerte prospettive macroeconomiche per il 2021, l'industria fintech rimane sostenuta da un potente trend di crescita - la digitalizzazione dei servizi finanziari - che è uscito indenne dalle turbolenze. Infatti, una delle lezioni chiave della pandemia Covid-19, e in particolare del grande lockdown nella primavera del 2020, è stata che molti istituti finanziari storici non hanno la flessibilità e le capacità per prosperare in un mondo che sta diventando sempre più digitale. Questo è di buon auspicio per l'industria fintech. La digitalizzazione in corso del settore finanziario è in realtà uno dei temi chiave che gli investitori dovrebbero osservare, secondo noi. Ci aspettiamo che le aziende fintech continuino a beneficiare dei significativi investimenti IT che molte banche e assicurazioni tradizionali devono ancora fare, soprattutto per le loro operazioni di back-office e mid-office, al fine di tenere il passo con la rapida digitalizzazione in corso del mondo finanziario.

 

La strategia Robeco FinTech, nonostante il periodo di crisi, ha ottenuto un discreto successo superando l'indice di riferimento MSCI All Country World Index di circa il 10% a un anno al netto dei costi. Qual è stata la vostra strategia di investimento? E quanto è stata condizionata dall’impatto degli eventi pandemici?

La strategia d'investimento del fondo FinTech è rimasta piuttosto costante sin dal lancio, nel novembre 2017. L'universo d'investimento comprende società attive in diversi settori come i pagamenti, la gestione finanziaria, le infrastrutture finanziarie, le piattaforme di trading e l'analisi dei dati.

Fin dall'inizio e anche negli ultimi 12 mesi ci siamo impegnati per creare un portafoglio equilibrato e ben diversificato. Investiamo solo in società quotate che sono veramente spinte dalla digitalizzazione del settore finanziario e sono redditizie oggi o lo saranno in un futuro non troppo lontano.

Gran parte della forza del settore quest'anno dipenderà dall'effettivo percorso verso la "nuova normalità". Lavorare da casa, fare shopping da casa, studiare da casa e persino socializzare da casa durante gli "Zoom drink" con gli amici ha avuto un impatto pronunciato sul fondo. Le aziende che hanno approfittato della crescente tendenza dello shopping da casa sono state per lo più società di pagamento che servono piattaforme di e-commerce grandi e piccole. Abbiamo anche assistito alla popolarità di aziende con caratteristiche speciali, a crescita molto elevata, come le aziende di tecnologia cloud e SaaS.

 

Con un graduale ritorno alla “nuova normalità” l’attività di M&A e IPO sembra avere ripreso quota in questo 2021. Quali sono le vostre aspettative?

La stasi indotta dalla pandemia nell'M&A, così come nell'attività di IPO, si è rivelata relativamente breve per l'industria fintech. Dopo l'estate del 2020, e nonostante le restrizioni alla mobilità in molti paesi, le operazioni di M&A e IPO sono tornate. Ci aspettiamo che la ripresa continui man mano che la pandemia si attenua e le aziende si concentrano nuovamente sui piani di crescita futura. Le autorità di regolamentazione giocheranno probabilmente un ruolo cruciale: alcune operazioni potrebbero essere bloccate.

 

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.