Il ritorno dell’avidità sui mercati? Colpa della FED

Dowding (BlueBay): “La banca centrale USA ha il compito di rispettare il proprio mandato, non di far felici gli investitori, e ciò potrebbe diventare sempre più evidente più avanti nel corso dell’estate”
18/06/2021 | Redazione Advisor

Sembra che l’outlook per l’economia e la politica monetaria statunitense continuerà a catalizzare l’attenzione degli investitori. Mark Dowding, cio di BlueBay, osserva che “i dati sembrano segnalare un boom dell’economia, con problematiche come la carenza di servizi per l’infanzia che sembrano agire da freno per il mercato del lavoro, costringendo i datori di lavoro a concorrere per i talenti, aumentando i salari e i pacchetti di benefit per i lavoratori”. 

“La politica fiscale e monetaria – prosegue l’analista - resta di supporto e la domanda repressa sta portando a un incremento della produzione, quindi sono pochi i fattori che potrebbero frenare l’economia nei mesi a venire, anche se l’espansione alla fine rallenterà inevitabilmente dal tasso di crescita del 10% visto nel trimestre attuale. Crediamo che l’economia tornerà su livelli di piena occupazione entro la fine dell’anno. Nel frattempo, secondo la nostra analisi dei dati, l’inflazione core si avvicinerà al 4% nei prossimi mesi, restando sopra il 3% l’anno prossimo”.

In tal caso, il gestore si chiede se “la Fed non dovrà riconsiderare la quantità di stimoli che ha fornito dall’inizio della pandemia. Il rischio di eccedere con gli stimoli sembrava molto basso un anno fa. Data la natura senza precedenti e incerta della crisi pandemica, era chiaramente giustificato che la Fed si impegnasse a fare ‘tutto il necessario’ per stimolare e supportare la ripresa economica. Tuttavia, man mano che l’outlook si normalizza, potrebbe essere il momento di chiedersi a posteriori se gli stimoli non siano stati più di quanto fosse realmente necessario. In tal caso, avrebbe senso invertire la tendenza, per evitare di dover inasprire le politiche in modo troppo aggressivo a un certo punto in futuro, se si arrivasse davvero a un surriscaldamento economico. Sotto molti aspetti, nel 2020 il Fomc ha preferito rischiare di eccedere piuttosto che fare troppo poco, come un golfista che preferisce tirare troppo forte che troppo piano quando deve superare un bunker".

Tuttavia, "il ritorno dell’avidità che ha preso il posto della paura, ad esempio in alcune aree del mercato azionario o nelle criptovalute, potrebbe suggerire che la Fed abbia esagerato e che debba tornare sui propri passi nelle prossime settimane”.

“In questo contesto – conclude Dowding - crediamo che la Fed seguirà i dati e che i mercati dovrebbero prestare più attenzione alle prossime letture. I mercati hanno beneficiato del fatto che la Fed abbia stampato moneta a raffica e potrebbero essere scontenti quando ciò verrà meno. Tuttavia, la Fed ha il compito di rispettare il proprio mandato, non di far felici gli investitori, e ciò potrebbe diventare sempre più evidente più avanti nel corso dell’estate”.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.