Utilities e infrastrutture, settori sempre più promettenti

Il contesto di ripresa post Covid-19 offre prospettive interessanti e senza precedenti per il mondo delle utilities e delle infrastrutture per le telecomunicazioni. Lo rivela Oriana Bastianelli, portfolio manager di Kairos
12/07/2021 | Lorenza Roma

Il mondo delle infrastrutture e delle utilities non è stato impattato dalla fase di rallentamento del ciclo economico. "Entrambi i settori volano di cicli di investimento in forte accelerazione”, ha affermato Oriana Bastianelli, portfolio manager di Kairos e gestore del fondo KIS KEY.

 

In questo contesto di ripresa post pandemia, i settori delle utilities e delle infrastrutture offrono buone opportunità agli investitori? La diffusione della pandemia da Covid-19 ha sicuramente acuito l’attenzione alla salvaguardia ambientale, reso necessario il varo di politiche atte a stimolare gli investimenti, accelerato la transizione digitale. Tutto questo offre prospettive sicuramente interessanti, oserei dire senza precedenti, per il mondo delle utilities e delle infrastrutture per le telecomunicazioni, entrambi volano di cicli di investimento in forte accelerazione. Raggiungere l’obiettivo “Net Zero emission” al 2050 richiede un aumento nel passo delle installazioni annue di rinnovabili pari a 5 volte quello attuale in ciascuno degli anni fra il 2021 e il 2050, con una stima degli investimenti cumulati pari a 10 triliardi di euro. I legislatori sono sensibilizzati sulla necessità di semplificazione dei processi autorizzativi, vero collo di bottiglia per centrare l’obiettivo. La transizione digitale è ancora più facilmente percepibile e permeante ed il continuo aumento del consumo dei dati forzerà la penetrazione del 5G con tutti gli investimenti addizionali necessari in termini di densificazione delle reti.

 

Quali sono le caratteristiche del fondo Kairos Equity Yield e cosa lo rende unico rispetto agli altri comparti azionari? Il fondo Kairos Equity Yield è un long-short focalizzato sul mondo delle infrastrutture e delle utilities. Offre pertanto i vantaggi tipici di questo universo di investimento rappresentati dall’operare spesso in regimi di monopolio con alte barriere all’entrata, prevedibilità dei flussi di cassa, bassa elasticità della domanda e attenzione elevata all’ottimizzazione della struttura del capitale e alla distribuzione di dividendi. Con una volatilità che in condizioni normalizzate è più bassa della volatilità del mercato.

 

Ritiene che il rialzo dell'inflazione e il potenziale aumento dei tassi possano impattare la performance del fondo? Circa il 70% del nostro portafoglio gode di una protezione all’inflazione tramite meccanismi automatici di indicizzazione. Inoltre, la domanda ha una bassa elasticità al prezzo perchè parliamo spesso di servizi essenziali. La conclusione è pertanto che l’universo investibile offre una protezione all’inflazione. Laddove il rialzo dei tassi segua l’inflazione in maniera ordinata, ovvero in situazione di tassi reali stabili, l’impatto sulle valutazioni dei titoli in portafoglio sarà neutrale nonostante la duration normalmente elevata dell’asset class.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.