Allarme inflazione, investitori pronti ad adeguare il portafoglio

Gli americani sono i pù ottimisti, il Covid spaventa di meno. E’ quanto emerge dal sondaggio trimestrale Investor Sentiment di UBS
22/07/2021 | Daniele Riosa

Quasi la metà degli investitori ritiene che l'inflazione accelererà nei prossimi 12 mesi e prevede di adeguare i propri portafogli di conseguenza, acquistando più azioni e real assets. E’ quanto emerge dal sondaggio trimestrale Investor Sentiment di UBS su investitori individuali e imprenditori a livello globale.

In particolare, il sondaggio ha rilevato che il 35% degli investitori prevede di aggiungere azioni, il 33% di aggiungere metalli preziosi, il 32% di aggiungere investimenti sostenibili e il 32% di aggiungere immobili. Mentre l'inflazione è una preoccupazione, l'ottimismo degli investitori globali rimane alto sull'economia della propria regione per i prossimi 12 mesi (70%) e sulla performance del mercato azionario nei prossimi sei mesi (67%).

Tom Naratil, presidente di UBS Americas e copresidente di UBS global ewealth management, spiega che "anche se ci aspettiamo che il recente aumento dell'inflazione si attenui, le prospettive dell'inflazione rimangono incerte e quindi costruire una protezione dall'inflazione nei portafogli è un passo appropriato che gli investitori dovrebbero fare ora. Questo include l'investimento in materie prime, infrastrutture del mercato privato e azioni con potere di determinazione dei prezzi, poiché queste aree tendono a performare meglio in un ambiente inflazionistico e aiuteranno a preservare il potere d'acquisto nel lungo termine".

Iqbal Khan, presidente di UBS Europa, Medio Oriente e Africa e co-presidente di UBS global wealth management, sottolinea che “la variante Delta sta portando a rinnovate preoccupazioni per i blocchi, l'inflazione ha dimostrato di essere più alta e duratura di quanto molti - tra cui la Fed - pensassero, e le tensioni USA/Cina stanno riemergendo. Non c'è da meravigliarsi se vediamo un certo nervosismo e incertezza tra gli investitori, in particolare negli Stati Uniti e in Asia. La nostra opinione è che non ci sarà un ritorno alle chiusure nazionali e vedremo l'inflazione ridursi nella seconda metà, il che significa che la Fed non avrà bisogno di ritirare gli stimoli. Questo dovrebbe essere positivo per la riapertura delle economie, i trade di recupero e molti dei vincitori della crescita secolare".

Mentre gli investitori rimangono ottimisti, la loro principale preoccupazione è la sicurezza informatica (50%), seguita da vicino dalla politica del loro Paese (49%) e dal cambiamento climatico (49%). Le preoccupazioni per i cambiamenti fiscali (48%) e la Covid-19 (47%) sono diminuite dall'ultimo sondaggio degli investitori nel primo trimestre del 2021. L'ottimismo degli imprenditori è rimasto alto, ma è sceso leggermente di tre punti percentuali, con il 77% ottimista sulla propria attività nei prossimi 12 mesi. Di conseguenza, anche i piani di assunzione sono in calo, con il 35% che prevede di assumere attivamente contro il 37% dello scorso trimestre. Il 53% degli imprenditori prevede di mantenere la stessa forza lavoro. Il 42% prevede di investire di più nel proprio business contro il 47% che prevede di investire lo stesso, mostrando segni di stabilità. Gli imprenditori vedono una serie di potenziali benefici nella sostenibilità nei prossimi tre anni. Il 61% crede che la sostenibilità potrebbe generare più entrate, il 57% crede che potrebbe migliorare le relazioni con i clienti e il 55% crede che potrebbe fare lo stesso con i dipendenti. Tuttavia, il 51% pensa che aumenterà i costi.

Stati Uniti

Guardando al futuro, gli investitori americani sono i più ottimisti sull'economia della loro regione (69%). Allo stesso tempo, gli investitori americani credono che l'inflazione accelererà nei prossimi 12 mesi (57%), più di qualsiasi altra regione.

America Latina

Anche se altre regioni hanno punteggi più alti, gli investitori latinoamericani sono ottimisti sull'economia della loro regione nei prossimi 12 mesi (67%), e l'ottimismo è aumentato del 7% dal 1° trimestre 21. Il 39% degli investitori si aspetta che l'inflazione acceleri nei prossimi 12 mesi, il secondo numero più basso a livello globale.

Europa 

La maggioranza degli investitori europei al di fuori della Svizzera rimane ottimista sull'economia della loro regione nei prossimi 12 mesi (75%) - la cifra più alta tra le cinque regioni analizzate. Il 48% degli investitori crede che l'inflazione accelererà nei prossimi 12 mesi.

Svizzera

Gli investitori svizzeri sono diventati sempre più ottimisti sull'economia della loro regione (74%) - un aumento del 17% nell'ultimo trimestre. Il 46% crede che l'inflazione accelererà nei prossimi 12 mesi.

Asia

Il 66% degli investitori asiatici è ottimista sull'economia della propria regione nei prossimi 12 mesi. Solo il 38% degli investitori asiatici crede che l'inflazione accelererà nei prossimi 12 mesi.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.