Mercati, guardare alle tendenze a lungo termine

Howard (GAM): “Strategicamente il market-timing del rumore intorno all'inflazione a breve termine o ai titoli speculativi ha poco senso”
06/08/2021 | Redazione Advisor

“Una combinazione inebriante di ripresa economica negli Stati Uniti con un significativo supporto di politica monetaria e fiscale in corso ha visto gli investitori sostenere felicemente i mercati azionari”. Julian Howard, lead investment director, multi asset portfolios di GAM Investments, rileva che “i cali che ci sono stati lungo la strada sono stati rapidamente acquistati dal muro di liquidità che si trovava in disparte”.

Il gestore spiega che “il rimbalzo economico da oltre 12 mesi di blocco on/off nella maggior parte del mondo è un periodo di transizione e come tale, non l’ideale per giudicare la traiettoria a lungo termine della crescita e dell'inflazione. I consumatori avevano accumulato risparmi mentre erano bloccati a casa e ora sono desiderosi di spenderli. Questo ‘revenge spending’ sta facendo salire i prezzi nei settori più colpiti dalle misure di lockdown, tra cui l’hotellerie, il tempo libero e le auto. Allo stesso tempo, la carenza di manodopera persiste mentre il ritiro dei permessi di lavoro e di altri sostegni governativi per i lavoratori è superato dalla riapertura e - almeno negli Stati Uniti - dal rapido ritiro degli orientamenti relativi al distacco sociale”.

“Queste tendenze inflazionistiche – continua l’analista - probabilmente diminuiranno con il passare dell'anno e le curve di offerta si spostano per soddisfare la domanda. Inoltre, i prezzi più alti oggi stanno stimolando enormi investimenti aziendali in automazione e tecnologia, una tendenza che storicamente ha limitato l'inflazione futura. È quindi molto probabile, a nostro avviso, che sia le pressioni sui prezzi che la stessa crescita economica si assesteranno di nuovo verso il 2022 e oltre. L'ultimo World Economic Outlook del Fondo Monetario Internazionale ha previsto una crescita del PIL statunitense dell'1,4% per il 2023, rispetto al tasso di crescita effettivo del 2,2% registrato nell'ultimo anno completo pre-pandemia del 2019. Al di là della ripresa immediata e di tutte le sue distorsioni, quindi, ci aspetta un mondo pre-pandemico più familiare”.

L’economista prevede che “le vecchie sfide che insieme formano l'argomento tristemente convincente della stagnazione secolare probabilmente si riaffermeranno, vale a dire: eccesso di risparmio, bassa crescita economica, disuguaglianza, invecchiamento della forza lavoro e cambiamento climatico. Su questa base, è probabile che il sostegno della politica monetaria si estenda a lungo nel futuro, sostenendo i mercati azionari in generale e gli asset di lunga durata come le azioni tecnologiche e i titoli di stato a lunga scadenza in particolare. Temi secolari come l'investimento ambientale, sociale e di governance (ESG), insieme alla quasi certa ascesa della Cina nei mercati globali dei capitali, giocheranno un ruolo chiave nei portafogli degli investitori nei prossimi anni”.

“Strategicamente - conclude Howard - il market-timing del rumore intorno all'inflazione a breve termine o ai titoli speculativi ha poco senso quando il capitale può invece essere impiegato per trarre vantaggio da tendenze a lungo termine con fondamentali più solidamente ancorati”.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.