Emergenti col vento in poppa grazie ai DPS

Adamczyk (NN Investment Partners): “Oltre ad affrontare il bisogno globale a lungo termine di riserve, l’allocazione aiuterà i Paesi a far fronte all'impatto della pandemia e fornirà ‘un'iniezione di energia per il mondo’”
27/08/2021 | Redazione Advisor

Il 23 agosto 2021 il Fondo Monetario Internazionale ha effettuato la più grande erogazione generale di diritti speciali di prelievo (DSP) equivalenti della sua storia, un aumento totale di 650 miliardi di dollari. Marcin Adamczyk, head of emerging market debt di NN Investment Partners, spiega che “oltre ad affrontare il bisogno globale a lungo termine di riserve, l’allocazione aiuterà i paesi a far fronte all'impatto della pandemia Covid-19 e fornirà ‘un'iniezione di energia per il mondo’, come dichiarato dal direttore generale del FMI Kristalina Georgieva. Circa 275 miliardi di dollari andranno ai paesi in via di sviluppo, un significativo vento favorevole per i mercati emergenti del mondo (EM).

In che modo gli emergenti beneficeranno dell'assegnazione dei DSP? “Il FMI è stato al fianco degli emergenti dall'inizio della pandemia. Ha già erogato oltre 100 miliardi di dollari ai paesi poveri e a medio reddito attraverso vari programmi di prestito. Gli EM hanno precedentemente beneficiato del sostegno tramite l'iniziativa di sospensione del servizio del debito (DSSI) della Banca mondiale e il quadro comune del G20 per il trattamento del debito oltre la DSSI. La più recente assegnazione di 650 miliardi di dollari di DSP è una spinta benvenuta. Inoltre, la portata globale dei DSP è un segno della volontà internazionale di cooperare e contribuire ad alleviare gli effetti negativi della pandemia. Questo dovrebbe aumentare la fiducia negli EM, sia nella comunità finanziaria internazionale che nei mercati finanziari. L'assegnazione offre ai paesi in via di sviluppo mezzi aggiuntivi per acquistare vaccini, pagare l'assistenza sanitaria e sostenere i cittadini vulnerabili. L'assegnazione generale dei DSP ha diversi altri chiari vantaggi. Uno è che l'esborso è relativamente veloce, a differenza dei prestiti tradizionali del FMI, che di solito comportano negoziati lunghi e complessi. Nel 2009, l'esborso effettivo ha avuto luogo quasi tre mesi dopo che la proposta è stata presentata per l'approvazione del Consiglio esecutivo del FMI; questa volta, ci sono volute solo sei settimane. Il rapido esborso fornirà benefici significativi ai paesi con bassi livelli di riserve e insufficiente accesso al mercato”.

Inoltre, “i DSP non si aggiungono direttamente all'onere del debito di un paese, né i paesi incorrono in costi di rimborso delle cedole. In contrasto con i prestiti esterni convenzionali, non ci sono rischi di rollover. I beneficiari dei DSP evitano anche lo stigma di essere legati a un programma tradizionale del FMI. Nessuna condizionalità specifica è legata all'uso dei DSP; i paesi hanno discrezione su come utilizzare i proventi. E poiché i DSP comprendono cinque valute, offrono una maggiore stabilità rispetto alle riserve in una sola valuta. Infine, mentre i critici notano che i mercati sviluppati che non hanno bisogno di questi fondi ricevono la maggior parte dell'aumento dell'allocazione dei DSP, le nazioni più povere e più bisognose riceveranno il più grande impulso nelle riserve lorde di valuta estera”.

Cosa significherà l'assegnazione per le riserve valutarie degli EM? “I 275 miliardi di dollari da erogare ai paesi emergenti e di frontiera rappresentano un aumento del 10% delle loro riserve internazionali, in alcuni casi addirittura il loro raddoppio. I paesi a basso reddito riceverebbero circa 21 miliardi di dollari, in alcuni casi più del 6% del loro PIL. In termini di percentuale di riserve in valuta, l'Africa sembra un grande vincitore. L'attuale livello di riserve in valuta dello Zambia sarà più che raddoppiato. Altri grandi beneficiari sono i paesi africani che hanno messo in comune le loro riserve in valuta attraverso le unioni monetarie come la Comunità economica e monetaria dell'Africa centrale (CEMAC) e l'Unione economica e monetaria dell'Africa occidentale (WAEMU). Le riserve in valuta del Benin sotto WAEMU sono sostenute dal 10-11%. Tra le altre nazioni africane, il Ghana e il Kenya affrontano alti costi di prestito estero e riceveranno un gradito sollievo. In Asia, i paesi più piccoli come il Pakistan e lo Sri Lanka riceveranno una spinta molto più grande delle grandi economie dell'Indonesia e dell'India. Lo Sri Lanka, che ha importanti rimborsi del debito estero in arrivo, riceve un’iniezione di capitale di cui necessitava abbondantemente. L'Ecuador e l'Argentina si spartiscono la torta in America Latina, mentre la Slovacchia e l'Ucraina si distinguono nell'Europa emergente. Per l'Ucraina, l'esborso aiuterà a salvaguardare i recenti miglioramenti nella vulnerabilità esterna, insieme all'accordo standby del FMI firmato di recente”.

“In generale - constata l’analista - l'aumento della liquidità in valuta estera facilita quindi i rimborsi del debito estero, fornisce anche spazio per maggiori importazioni e sostiene la domanda interna. Per essere chiari, l'assegnazione scalare dei DSP non è la panacea di tutti i mali. Monitoreremo da vicino come ogni paese userà la sua assegnazione di DSP. Riteniamo che questo sia uno sviluppo politico positivo che attenua ulteriormente i rischi al ribasso per il debito EM come asset class; il FMI ha recentemente notato che dall'inizio della pandemia, gli squilibri esterni sono generalmente migliorati negli EM e peggiorati nei DM, specialmente negli USA”.

“Un’ulteriore boccata d’aria – conclude Adamczyk - è in arrivo, dato che continuano i colloqui tra i mercati sviluppati sulla riallocazione dei loro DSP sotto forma di donazioni. Riconoscendo che lo sforzo globale potrebbe affrontare questioni come le vaccinazioni e altri bisogni sanitari, il G7 potrebbe mettere il suo sostegno dietro una riallocazione di 100 miliardi di dollari di DSP. La Francia si è già impegnata a riassegnare parte dei suoi DSP all'Africa e ha chiesto agli altri mercati sviluppati di contribuire ad aumentare l'importo dei DSP destinati al continente a 100 miliardi di dollari. Anche la Cina ha sostenuto la richiesta. Così, anche se il mondo aspetta il primo colpo di mano del FMI, il sostegno per un secondo colpo è in arrivo”.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.