Eurozona, l'inflazione non spaventa la BCE

Secondo Mirabaud AM, nonostante il pericolo legato all'inflazione la politica monetaria della BCE rimarrà molto accomodante
01/09/2021 | Lorenza Roma

"I dati sull'inflazione CPI di agosto mostrano un aumento significativo delle pressioni sui prezzi, ma questo non cambia la nostra view sulla politica monetaria della BCE, che rimarrà molto accomodante", afferma Gero Jung, chief economist di Mirabaud Asset Management. "La rilevazione preliminare sull'inflazione CPI pubblicata da Eurostat per agosto mostra un aumento annuale del 3%, con una crescita significativa anche dell'inflazione core. È bene notare che la tempistica della stagione dei saldi estivi ha effettivamente un impatto, mentre l’implementazione dell’IVA temporanea in Germania, che risale all'anno scorso, sta mostrando ora i propri effetti", aggiunge Jung.

 

"Inoltre, la scomposizione dei dati mostra che gran parte dell'aumento dell'inflazione complessiva può essere ricondotto all’aumento dei prezzi di prodotti alimentari ed energia, mentre i prezzi dell'elettricità crescono soprattutto in alcuni paesi, come la Francia e la Spagna. Sono cresciuti anche i prezzi dei beni industriali non energetici e ciò è probabilmente legato alla stagione dei saldi estivi in Francia e Italia. Questo fenomeno probabilmente si invertirà nelle prossime rilevazioni", sottolinea Jung che conclude "L'anno scorso, i saldi estivi sono stati anticipati da agosto a luglio e ciò ha provocato una diminuzione dei prezzi di abbigliamento e beni per la casa a luglio, seguito poi però da un aumento ad agosto".

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.