Attesa per la decisione della BCE

Lo strategist di La Française AM si aspetta una riduzione di 10 miliardi di euro al mese degli stimoli del programma PEPP ma avverte che non si tratta di tapering
08/09/2021 | Redazione Advisor

Nel corso della conferenza stampa del 9 settembre, la Banca Centrale Europea dovrebbe affrontare due questioni principali: le nuove proiezioni macro-economiche e un aggiornamento sul programma di acquisti in risposta all’emergenza pandemica (PEPP).

 

Secondo François Rimeu, senior strategist di La Française AM, sul piano economico, la BCE dovrebbe mantenere un tono ottimista grazie ai passi avanti sul fronte della campagna di vaccinazione europea e nonostante i rallentamenti in Cina e USA. Tuttavia, la banca centrale sottolineerà che restano ancora delle incertezze in relazione al Covid-19. "Le nuove previsioni macro-economiche dovrebbero evidenziare miglioramenti nella crescita per il 2021 (4,8% rispetto al 4,6% previsto a giugno) e un’inflazione più elevata in tutto il mondo, specialmente nel 2021 (2,2% rispetto all’1,9% di giugno)", sottolinea lo strategist.

 

"Riteniamo che la BCE ridurrà il ritmo del programma di acquisti pandemici (PEPP) da 80 a 70 miliardi di euro al mese, coerentemente con il miglioramento del quadro economico e con la volontà di sfruttare appieno la carta PEPP", prosegue Rimeu. "Il Consiglio direttivo non dovrebbe fare nessun annuncio riguardo al futuro dell’emergenza pandemica e sul programma di acquisto di asset dopo la conclusione del PEPP, prevista a marzo 2022. Dal nostro punto di vista, la BCE resterà molto proattiva e accomodante nella comunicazione sul futuro aiuto monetario".

 

"Le recenti sorprese in positivo sull’inflazione, anche se temporanee (e ancora da confermare), mettono un po’ di pressione alla BCE. La comunicazione sulla riduzione del ritmo dell’attuale programma di Quantitative Easing da un lato manterrà un tono molto accomodante, dall’altro non sarà un compito facile per il Presidente della BCE Lagarde, specialmente date le previsioni più alte di crescita. Ci aspettiamo una certa volatilità a seguito di questa conferenza stampa e tassi moderatamente più elevati", conclude Rimeu.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.