Criptovalute, sentiment rialzista nonostante la stretta cinese

Merone (Bitpanda): “Il calo delle cripto è stato significativo, ma vale la pena notare che i dati a lungo termine rimangono saldamente positivi, indicando una potenziale opportunità di ‘buy the dip’”
05/10/2021 | Daniele Riosa

La scorsa settimana si è rivelata alquanto turbolenta per il mercato delle criptovalute a seguito dell’ennesimo FUD proveniente dalla Cina. Orlando Merone, country manager per l'Italia di Bitpanda, spiega che “Bitcoin e le principali altcoin hanno recuperato buona parte delle perdite provenienti dal ban cinese del 24 settembre, prima di scendere nuovamente nella giornata di lunedì. Il risultato è stato un vero e proprio ‘range trading’ all’interno di uno scenario altalenante che il Bitcoin stava vivendo dall’inizio di settembre”.

“I mercati delle criptovalute – rileva il gestore - sono riusciti in qualche modo ad assestare il colpo prima dell’evento di Evergrande, ma il Crypto Fear & Greed Index è in bilico appena sopra i 20 punti, fattore che indica una grande paura tra gli investitori. Il prezzo del Bitcoin si è mosso in un range compreso tra i 34.000 e i 38.000 euro, con la maggior parte delle altcoin che hanno seguito il modello. L’annuncio di maggiori restrizioni in Cina ha rispedito il Bitcoin ai minimi, mentre l’intero mercato ha perso miliardi nel giro di poche ore. Stando agli ultimi aggiornamenti, lo scambio di criptovalute è vietato in tutto il Paese. La Cina ha più volte cercato di contrastare le criptovalute in passato e, quasi ogni volta, i prezzi sono scesi per poi riprendersi subito dopo. Il calo è stato significativo, ma vale la pena notare che i dati a lungo termine rimangono saldamente positivi, indicando una potenziale opportunità di ‘buy the dip’ una volta che il prezzo del Bitcoin trova supporto. Il market cap di BTC è sceso al di sotto degli 800 miliardi di euro, mentre la sua posizione dominante si è avvicinata al 43%".

“La maggior parte delle Altcoin - sottolinea l’analista - ha invece sofferto ancora di più ma, nonostante tutto, i fondamentali rimangono stabili e le notizie positive continuano a riversarsi sul mercato. Tra tutte, il gigante dei social media Twitter ha annunciato il piano di integrare il Bitcoin nelle sue funzionalità, permettendo agli utenti di dare mance ai loro creatori di contenuti preferiti.

L'economista ricorda che "la repressione cinese ha abbattuto il pool minerario di Ethereum Sparkpool. La maggior parte delle principali altcoin sta cercando di trovare un supporto e sta affrontando un sell-off a livelli più alti, suggerendo che il mercato potrebbe rimanere range-bound per qualche altro giorno. Il prezzo di ETH è stato respinto di nuovo da 2.700 euro e sta ancora lottando per muoversi verso la resistenza superiore in una formazione a cuneo. Il mining pool ETH Sparkpool ha annunciato di aver smesso di accettare nuovi partecipanti nella Cina continentale. Inoltre, l'organizzazione ha chiuso tutte le sue attività in Cina a partire dal 30 settembre. Con sede a Hangzhou, in Cina, Sparkpool è il secondo più grande pool di mining di Ethereum, responsabile di oltre il 20% dell'hash rate totale della rete”.

In quanto a Ripple, “lancerà un fondo da 215 milioni di euro portando gli NFT al ledger XRP. La Royal Monetary Authority of Bhutan sta collaborando con Ripple per pilotare una valuta digitale da parte della banca centrale del regno. Ripple Labs permetterà al Bhutan di utilizzare una soluzione CBDC a ledger privato che permetterebbe alla loro banca centrale di distribuire una valuta digitale. La soluzione CBDC di Ripple sfrutta una versione privata del pubblico, open-source XRP Ledger che permette un maggiore controllo sull'emissione, la gestione, la privacy e la convalida più di una blockchain pubblica. Oltre a questa enorme notizia, Ripple Labs ha anche annunciato che si sta muovendo nel crescente mondo degli NFT. La società aprirà un nuovo fondo del valore di 215 milioni di euro per sostenere la costruzione di progetti di token non fungibili (NFT) sul suo ledger XRP. Il prezzo di XRP si sta muovendo in modo simile alle principali altcoin e sta semplicemente seguendo Bitcoin nel range trading. Il prezzo ha testato più volte il supporto a 0,76€, ma sono stati respinti nei tentativi di spostarlo più in alto”.

Intanto “Cardano ha annunciato una partnership strategica con Chainlink (LINK). È stato un fine settimana molto importante per la comunità di Cardano (ADA) che si è riunita al Cardano Summit 2021. InputOutput (IOKH), la società tecnologica dietro Cardano, ha annunciato una partnership strategica con Chainlink (LINK) per fornire l'integrazione di oracolo per gli sviluppatori di smart contract. La partnership vedrà Cardano integrare gli oracoli di Chainlink per supportare gli sviluppatori mentre si preparano ad iniziare a costruire contratti intelligenti per applicazioni di finanza decentralizzata (DeFi). Il Summit ha inaugurato diversi annunci e accordi di partnership strategiche tra Cardano e altre entità. In un evento importante Cardano ha collaborato con uno dei più grandi servizi di telecomunicazione negli Stati Uniti d'America, DISH telecom services, una società Fortune 500 con oltre 19 milioni di clienti”.

“Nonostante questo mese traballante – conclude Merone - il sentimento generale rimane rialzista su un frame temporale più alto e non c'è ancora alcun segno di mercato ribassista. I fondamentali rimangono forti e il quadro tecnico è ancora rialzista”.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.