Investimenti e social media, interviene Esma

L’Authority europea ha pubblicato una dichiarazione in cui chiarisce le regole da seguire, e le sanzioni se non le si rispetta, per chi divulga sui social network raccomandazioni di investimento
29/10/2021 | Paola Sacerdote

In un'epoca in cui i social media sono ormai diventati una fonte chiave di informazioni per gli investitori retail, è importante che essi siano consapevoli dei rischi associati all'affidarsi alle raccomandazioni diffuse su queste piattaforme quando prendono decisioni di investimento. E’ in questo quadro che si inserisce l’ intervento di Esma, l’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati, che ha pubblicato una “Dichiarazione pubblica sulle raccomandazioni d’investimento formulate sui social media”, nella quale vengono forniti chiarimenti su quali sono le raccomandazioni di investimento, come pubblicarle sulle piattaforme dei social media e quali possono essere le conseguenze di possibili violazioni del Regolamento sugli abusi di mercato (MAR) dell'Unione europea.

 

Insieme alla stabilità finanziaria e alla garanzia di mercati stabili e disciplinati, la protezione degli investitori è al centro degli obiettivi dell’Authority europea. A seguito di un aumento delle raccomandazioni di investimento formulate sui social media e con la preoccupazione che gli investitori retail non siano consapevoli dei rischi che corrono affidandosi a tali raccomandazioni, secondo Esma queste devono essere prodotte e diffuse in modo il più possibile obiettivo e trasparente, affinchè  gli investitori, prima di prendere qualunque decisione di investimento, possano distinguere i fatti dalle opinioni. È inoltre fondamentale che gli investitori siano in grado di identificare facilmente la fonte delle informazioni e gli eventuali conflitti di interesse di coloro che formulano le raccomandazioni.

 

“L'obiettivo della Dichiarazione è anche quello di ricordare a tutti i soggetti che consigliano investimenti sui social media e su altre piattaforme simili le regole applicabili e cosa succede quando queste non vengono rispettate” ha spiegato Anneli Tuominen, presidente ad interim di Esma. In caso di mancato rispetto delle regole relative alle raccomandazioni di investimento possono infatti essere applicate sanzioni pecuniarie e essere intraprese ulteriori azioni di vigilanza, che in caso di diffusione di informazioni false o fuorvianti potrebbero portare al deferimento agli organi competenti per manipolazione del mercato.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.