High yield, le prospettive per il 2022

Candriam ritiene che i tassi continueranno probabilmente il loro trend al rialzo in scia al miglioramento dell'inflazione, della crescita e dei migliori numeri sull'occupazione
25/11/2021 | Redazione Advisor

"Nell'ultimo anno e mezzo le misure straordinarie delle Banche Centrali hanno sostenuto l’high yield, portando i rendimenti e gli spread ai minimi pluriennali. Questo sostegno sta lentamente svanendo poiché le Banche Centrali stanno adottando un atteggiamento meno dovish e il "tapering" dei programmi di QE sta acquisendo slancio. In questo contesto, ci aspettiamo che la dispersione aumenterà man mano che verranno resi noti i bilanci degli emittenti e i rischi idiosincratici. A nostro parere siamo in una fase di transizione dal beta all'alfa", ha sottolineato Thomas Joret, (in foto) senior fund manager - high yield & credit arbitrage di Candriam.

 

"I fondamentali degli high yield, che finora sono stati incoraggianti, stanno gradualmente ruotando poiché alcuni emittenti sono focalizzati sulla remunerazione lato equity (buyback, dividendi, M&A opportunistico), e quindi stanno operando un re-leveraging dei loro bilanci. Questo porterà probabilmente a una qualità inferiore e a tassi di default più elevati in assenza di un massiccio sostegno da parte delle Banche Centrali, aumentando ulteriormente la dispersione sui mercati", ha precisato il manager.

 

"Inoltre, nel medio-lungo termine, ci aspettiamo che i trend globali come la de-globalizzazione, la digitalizzazione e la de-carbonatazione portino a cambiamenti sostanziali e richiedano agli emittenti di adattare i loro modelli di business. In effetti, è probabile che si accentui la discrepanza tra i vincitori e i vinti all'interno del settore", ha spiegato Joret che ha aggiunto "crediamo che i tassi continueranno probabilmente il loro trend al rialzo in scia al miglioramento dell'inflazione, della crescita e dei migliori numeri sull'occupazione".

 

Joret ha concluso: "Un rialzo che dovrebbe essere graduale alla luce della posizione molto cauta e della comunicazione costante delle Banche Centrali. Tuttavia, un'inflazione più forte e inaspettata potrebbe causare un aumento dei tassi più netto del previsto, che a sua volta potrebbe influenzare negativamente i mercati del credito ed esercitare una pressione al rialzo su rendimenti e spread.  In termini di macro-rischi che potrebbero influenzare il settore, rimaniamo diffidenti nei confronti del rallentamento della crescita in Cina, in quanto la ri-regolamentazione e il deleveraging stanno pesando sull'economia insieme alle turbolenze del mercato immobiliare. Monitoriamo anche le questioni relative la supply chain (viste le recenti interruzioni) che riteniamo possano normalizzarsi nel 2022".

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.