Cina: tecnologia, salute e consumi sugli scudi

Gli esperti di J.P. Morgan AM privilegiano “le imprese della nuova economia con solide prospettive di crescita a lungo termine, in quanto beneficiari della continua spinta all'autosufficienza”
15/12/2021 | Redazione Advisor

I lockdown per il Covid e le politiche di restrizione dei viaggi sono state implementate in alcune aree in linea con la politica Covid Zero della Cina. Come sottolinea il team di gestione basato in diverse sedi in Cina e in Asia di J.P. Morgan Asset Management, “dato che il governo dispone di un margine di manovra sufficiente per sostenere la crescita, l'indebolimento della produzione e dei consumi ha aumentato la possibilità che il sostegno politico venga annunciato nei prossimi trimestri. Tuttavia, è probabile che persista l'incertezza a causa dei timori per gli effetti a lungo termine dei cambiamenti normativi e per gli impatti sulle prospettive degli utili societari”.

Per quanto riguarda il mercato offshore, i gestori rilevano che “con il significativo spostamento delle priorità del governo, dalla crescita a un approccio più equilibrato alla crescita, alla sostenibilità e all'aumento dell'uguaglianza sociale, è probabile che i mercati rimarranno volatili mentre gli investitori si adeguano al mutevole panorama economico. Le politiche interne indicano un modesto rallentamento della crescita complessiva, ma probabilmente di qualità superiore. È incoraggiante che ciò derivi in parte dalle riforme strutturali relative ai consumi, agli investimenti e ai mercati dei capitali. Sebbene concordiamo con la spinta delle modifiche normative, che sono in definitiva studiate per ottenere una crescita più sostenibile ed equa, non siamo soddisfatti dei rischi associati all’investimento. Queste politiche continueranno ad avere un impatto negativo su alcune aziende e industrie nel breve termine e ad alterare le dinamiche competitive di alcuni settori”. 

Gli analisti ritengono che “i temi a lungo termine per investire in Cina si concentrino su tecnologia, salute e consumi. Ad esempio, privilegiamo le imprese della nuova economia con solide prospettive di crescita a lungo termine, in quanto beneficiari della continua spinta all'autosufficienza. Ciò andrà a beneficio delle dinamiche di sostituzione delle importazioni in aree come l'automazione industriale, i semiconduttori e il software. Se consideriamo i semiconduttori, che quest'anno sono stati oggetto di forte attenzione a livello globale a causa dei problemi della catena di approvvigionamento, le tensioni geopolitiche con gli Stati Uniti hanno effettivamente accelerato questa innovazione piuttosto che fungere da freno: la Cina è ancora più determinata a diventare autosufficiente in quelle aree dove dipendeva maggiormente dalle importazioni. La strategia degli Stati Uniti di mirare all'accesso della Cina ai chip ha reso l'autosufficienza un tema urgente per Pechino. L'iniziativa ‘Made in China 2025’ annunciata nel 2015 mirava a portare la produzione di chip del paese da meno del 10% della domanda dell'epoca al 40% nel 2020 e al 70% nel 2025”.

“Questo desiderio – concludono gli esperti di J.P. Morgan AM - significa che i cambiamenti normativi non sono tutti negativi per il mercato, poiché alcuni settori trarranno vantaggio dai venti favorevoli delle politiche a medio e lungo termine”.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.