Inflazione, le scelte dei gestori per proteggere i portafogli

Azioni, obbligazioni indicizzate all’inflazione e infrastrutture, seguiti da broad commodity e oro, sono gli asset prediletti dagli investitori professionali secondo un sondaggio commissionato da WisdomTree
26/01/2022 | Paola Sacerdote

Gli investitori professionali europei ritengono che i rischi maggiori da considerare sui mercati siano l’inflazione e gli errori delle banche centrali in termini di politiche adottate, evidenziando una mancanza di fiducia nella capacità di evitare un’inflazione elevata. Lo rileva un sondaggio commissionato da WisdomTree e condotto dall’agenzia di ricerca indipendente CoreData Research, che ha coinvolto 600 investitori professionali in tutta Europa, tra cui società di consulenza finanziaria wholesale, società di gestione di grandi patrimoni e family office.

 

Con l’inflazione in Europa significativamente al di sopra dei livelli target del 2%, il 72% degli investitori professionali interpellati ha affermato di avere iniziato a prepararsi per affrontare un’inflazione elevata. Alla domanda su come si stiano preparando a mitigare il contesto inflazionistico, il 46% degli investitori ha indicato l’allocazione sulle materie prime; mentre un altro 28% sta valutando la possibilità di prendere posizione su quest’asset class per ridurre l’impatto dell’inflazione sui propri portafogli.

 

Secondo l’indagine, tra gli asset più comuni che gli investitori professionali europei prediligono per una copertura dall’inflazione si trovano i titoli azionari (78%), i titoli obbligazionari indicizzati all’inflazione (58%) e le infrastrutture (47%). Le broad commodity (46%) e l’oro (28%), entrambi storicamente un’ottima copertura contro l’inflazione, non figuravano tra le prime tre asset class, sebbene il 33% degli investitori professionali europei preveda nei prossimi 12 mesi di aumentare le allocazioni sul settore energy; mentre il 29% ha dichiarato di voler incrementare le allocazioni sulle soft commodity.

 

“Una delle caratteristiche più discusse degli investimenti in commodity riguarda la capacità di questa asset class di offrire copertura rispetto all’inflazione” ha commentato Nitesh Shah, head of commodities & macroeconomic research, Europa di WisdomTree. “Gli accademici hanno studiato diffusamente il legame tra commodity e inflazione concludendo che, nel lungo periodo e nella maggior parte dei periodi storici, le materie prime sono state correlate positivamente all’inflazione. La performance mensile media delle materie prime in generale tende ad aumentare quando sale l’indice dei prezzi al consumo (CPI). Invece ciò non si verifica sempre con altre asset class, tra cui i titoli obbligazionari indicizzati all’inflazione o il real estate”.

 

Nonostante le materie prime siano note per le loro proprietà di copertura dall’inflazione, la maggior parte degli investitori professionali europei (55%) ritiene che il modo migliore per accedere a questa classe di attivi sia attraverso i titoli azionari legati alle commodity. Tuttavia, le materie e i titoli azionari legati alle materie prime non hanno caratteristiche simili, aspetto che potrebbe sorprendere coloro che optano per questo tipo di allocazione. Secondo il sondaggio, solo il 37% degli investitori professionali europei sceglie, o sceglierebbe, d’investire tramite esposizioni sintetiche e il 24% tramite esposizioni a garanzia fisica - in genere i metodi più efficienti per accedere alle commodity e proteggersi dall’inflazione.

 

 “I titoli azionari legati alle materie prime sono spesso impiegati quale alternativa di facile accesso agli investimenti in commodity” ha aggiunto Pierre Debru, head of quantitative research & multi asset solutions, Europa, WisdomTree. “Tuttavia, la ricerca ha dimostrato che un investimento in azioni legati alle commodity fornisce esposizione principalmente alla gestione, alle linee di business e alle pratiche di tali società. In molti casi, queste ultime coprono parte o tutta la loro esposizione alle materie prime, cioè pagano il premio per il rischio delle commodity ai titolari di contratti future. Le azioni legate alle materie prime si comportano in modo molto più simile ai titoli azionari che non alle commodity e, di conseguenza, non rappresentano uno scudo particolarmente efficace contro l’inflazione”.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.