Piccola guida anti-panico per gli investitori

Niente emotività, mantenere un’ottica di lungo periodo e costanza tramite piani di accumulo. Sono tre semplici regole da seguire per affrontare fasi di turbolenza sui mercati come quella attuale. Il commento di Gimme5
28/02/2022 | Paola Sacerdote

In momenti di turbolenza sui mercati finanziari come quello attuale uno dei pericoli più grandi per un investitore è farsi prendere dal panico e prendere decisioni sbagliate sull’onda dell’emotività.

Bisogna però tenere sempre presente che i periodi di volatilità si alternano nel tempo, ci abbiamo fatto i conti in passato e saremo chiamati a farlo anche in futuro. Gimme5 elenca alcune semplici regole fondamentali per essere in grado di gestire al meglio i propri risparmi e mostra con alcuni esempi come la costanza in questo ambito possa premiare.

 

Prima regola: Il “panic selling” allontana dai guadagni. L’emotività è nemica degli investimenti! Quando assistiamo a una discesa dei mercati, in particolare se rapida e violenta, l’errore più grande è farsi prendere dal panico. Vendere e uscire dal mercato significa, infatti, congelare delle perdite, rispetto a mantenere il proprio investimento. Numerosi studi hanno dimostrato che mancare i 10, 20 o 30 migliori giorni del mercato lungo un arco temporale riduce sensibilmente i guadagni conseguibili. Supponendo un investimento di 10.000 dollari fatto 15 anni fa sul mercato azionario americano, se si fosse rimasti sempre investiti si sarebbe guadagnato il doppio rispetto alla perdita di anche soltanto i 10 migliori giorni del mercato. Le vendite dovute al panico, dunque, non soltanto causano una perdita certa, ma allontanano dalle migliori opportunità di rendimento e, quindi, di possibile guadagno.

 

 Seconda regola: Mantenere un’ottica di lungo periodo. Se una naturale caratteristica dei mercati è quella di essere volatili e di oscillare quindi verso l’alto e il basso, ogni giorno la probabilità che il mercato azionario sia positivo è pari a circa il 50%, come lanciare una monetina. Ma nel lungo periodo i mercati azionari hanno mostrato una tendenza crescente che riflette lo sviluppo dell’economia mondiale. Storicamente, le azioni sono state in assoluto l’investimento che ha mostrato i ritorni più alti, e i mercati azionari, pur con notevoli oscillazioni, hanno sempre resistito e superato gli eventi nefasti della Storia: guerre mondiali, terremoti, tsunami, crisi valutarie, epidemie, guerre fredde, fallimenti di Stati e di banche sistemiche e chi più ne ha, più ne metta.

Assumere un orizzonte temporale di lungo periodo non soltanto permette di raggiungere ritorni potenziali più elevati, ma anche di tollerare meglio gli alti e i bassi del mercato.

Man mano che gli orizzonti temporali si allungano, le probabilità di perdere denaro sul mercato azionario si abbassano sensibilmente. Su un orizzonte temporale di 10 anni, la probabilità di perdita è del 4% e su 15 anni la probabilità scende praticamente a zero.

 

Terza regola: la costanza premia. Investire regolarmente attraverso contribuzioni costanti ogni mese (modalità di accumulo) è una tecnica che presenta numerosi vantaggi, soprattutto nelle fasi di discesa del mercato. Infatti, iniziare una modalità di accumulo consente di approfittare della discesa dei mercati nel lungo periodo: nessuno può dire con certezza quale sarà il movimento dei mercati nel breve periodo, pertanto, frazionare l’investimento permette anche di limitare il rischio di investire troppo quando i prezzi possono ancora scendere.

Per dimostrarlo, Gimme5 ha elaborato una simulazione di investimento. Si è fatto un investimento di 100 euro in un mercato che ne vale 1000 alla settimana 0. A causa di uno shock esterno, come quello causato dalla Pandemia, improvvisamente il mercato inizia la sua discesa settimana dopo settimana. L’investitore, che decide di iniziare una modalità di accumulo, investe 10 euro alla fine di ogni settimana di discesa del mercato. Alla quinta settimana, il mercato è sceso del 45% dai livelli iniziali e il valore dell’investimento con la modalità di accumulo è arrivato a 94,28 euro.

Dalla sesta settimana il mercato inizia la sua ripresa. Grazie alle contribuzioni effettuate durante il periodo di discesa del mercato, il valore dell’investimento con la modalità di accumulo presenta una forza di recupero maggiore rispetto al valore dell’investimento senza.

Alla settimana 14, quando il mercato torna ai livelli iniziali (1000), l’investitore con la modalità di accumulo ha ottenuto un profitto dal suo investimento, a differenza dell’investitore che non ha effettuato alcun investimento aggiuntivo.

 

Photo by Andrey Metelev on Unsplash

 

 

Banner Ucraina Russia

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.