Il peso delle elezioni francesi sul futuro dell’Europa

Il risultato delle presidenziali in Francia sarà di grande importanza per l’Unione europea, che si trova attualmente in una fase delicata. Il commento di NN IP
08/04/2022 | Redazione Advisor

Il risultato delle elezioni presidenziali in Francia, che vedranno probabilmente un ballottaggio tra il presidente uscente Macron e Marine Le Pen, sarà di grande importanza per disegnare i nuovi equilibri all’interno dell’Unione europea. “Le elezioni presidenziali francesi del 2017 furono vissute come un momento decisivo per i mercati visto che Marine Le Pen, che si sapeva essere una candidata “forte” in grado di andare al secondo turno, condusse una campagna basata sull'uscita della Francia dall'UE. Quest'anno il ballottaggio sarà probabilmente di nuovo un testa a testa tra il presidente Macron e Marine Le Pen, con il primo che appare favorito.  Anche se Le Pen non sta più conducendo una campagna di "Frexit", il risultato delle elezioni sarà ancora di grande importanza per il futuro dell'Europa” commenta Willem Verhagen, senior economist multi-asset, NN IP. L’economista osserva infatti che la Le Pen mira a limitare l'influenza dell'UE sulla politica francese. Al contrario, Macron ha l'intenzione di portare avanti un'ulteriore integrazione europea.

 

“Per capire l'importanza di queste diverse prospettive, dobbiamo tenere presente che l'Europa si trova attualmente ad un crocevia” prosegue Verhagen. “In particolare, due grandi temi stanno diventando sempre più importanti. Il primo è che l'unione monetaria soffre ancora di una struttura istituzionale incompleta non in grado di sostenerla. Il secondo tema è la deglobalizzazione: l'Europa dovrà essere più autonoma e indipendente in vari settori come la geopolitica, la difesa, le industrie high-tech e la produzione di energia (verde)”.

 

È evidente che entrambi i temi richiedono una maggiore cooperazione a livello europeo. In questo senso sono probabilmente due secondo l’economista le questioni più pressanti. “Prima di tutto, la riforma delle regole fiscali dell'UEM in modo tale da fare spazio a maggiori investimenti pubblici. Secondo, la possibilità di rendere permanente il sistema di prestiti congiunti alla base del Next Generation EU”.

 

Guardando al potenziale impatto sui mercati azionari, secondo Verhagen una vittoria di Macron sarà probabilmente un non-evento visto che sarebbe il risultato più scontato. Potrebbe portare a un sollievo a breve termine, ma non cambierà fondamentalmente lo scenario. “Una vittoria di un candidato dell'estrema destra o dell'estrema sinistra rappresenterebbe al contrario un importante spinta contraria, non solo per la Francia ma per l'intero mercato azionario europeo”.

 

“Nel breve termine, nei mercati obbligazionari potremmo assistere ad un certo allargamento dello spread tra i rendimenti a 10 anni francesi e tedeschi che rifletterebbe un rischio politico più alto. In generale, una maggiore incertezza sulle prospettive di chi vincerà le elezioni farà aumentare gli spread. Una vittoria di Macron non dovrebbe avere un grande impatto sullo spread francese e le ricadute positive sui periferici dovrebbero essere molto limitate. Al contrario, nel caso in cui un candidato di estrema destra vinca, o che comunque renda più complessa la vittoria di Macro, potrebbe portare a un significativo repricing degli spread francesi e periferici, visto che si potrebbe rialzare il rischio di una maggiore frammentazione europea” conclude Verhagen.

 

Photo by Gaston Ignacio Enriotti on Unsplash

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.