Mercati valutari pronti per le montagne russe

È probabile che i livelli più elevati di volatilità dei tassi e delle azioni a cui ci stiamo abituando si trasferiranno nell'arena FX. La volatilità valutaria e i giochi valutari sono tornati. L’analisi di DPAM
29/09/2022 | Redazione Advisor

“Ci aspettiamo che i livelli più elevati di volatilità dei tassi e delle azioni a cui ci stiamo abituando si trasferiscano nell'arena FX. La volatilità valutaria e i giochi valutari sono tornati”. È la view di Peter De Coensel, ceo, DPAM, che analizza le prospettive del mercato valutario, dominato al momento dal rafforzamento del biglietto verde.

 

“La Bank of Japan, su richiesta del Ministero delle Finanze, ha bloccato lo scivolamento dello yen giapponese contro il dollaro USA lo scorso giovedì 22 settembre. L'intervento sul mercato è avvenuto dopo che la banca centrale ha comunicato di non aver modificato la sua politica monetaria estremamente espansiva. L'USD/JPY è sceso di circa il 3,7% da 145,85 a un minimo di 140,35. Alla fine della settimana ha chiuso a 143,31, confermando la convinzione che gli interventi sul mercato valutario abbiano scarso effetto. In particolare, l'intervento della singola banca centrale, che cerca di rallentare o invertire il ritmo del deprezzamento, può diventare efficace solo se seguito a breve da un cambiamento nelle politiche monetarie ufficiali o in altre politiche. Kuroda, attuale presidente della BoJ, terminerà il suo mandato nell'aprile 2023”. De Coensel si chiede se Kuroda lascerà al suo successore la decisione di abbandonare il controllo della curva dei rendimenti oppure si occuperà della parte della curva dei rendimenti da 0 a 5 anni anziché quella da 0 a 10 anni. “Le riserve valutarie del Giappone ammontano a 1.175.000 miliardi di dollari. Tuttavia, se vogliono evitare di esaurire questo forziere, dovranno raccogliere dollari attraverso la vendita di titoli di Stato statunitensi e poi venderli, sostenendo così lo yen. L'inflazione globale si attesta al 3,00%, mentre l'inflazione di fondo si attesta all'1,6%. Entrambe dovranno rimanere al di sopra di questi livelli per almeno tre mesi per indurre la BoJ a modificare la propria politica di controllo della curva dei rendimenti. I mercati prevedono che il tasso ufficiale della Banca del Giappone passerà da -0,10% a +0,10% entro giugno 2023. Rispetto alle altre banche centrali dell'OCSE, sembra che i governatori della BoJ vengano da Marte. La BoJ ha difeso con successo la YCC negli ultimi 6 anni”.

 

Le banche centrali europee sono in allarme? “Sembra che siano tutte impazienti - prosegue De Coensel - come dimostrano le coraggiose decisioni della Riksbank svedese di aumentare i tassi di 100 punti base e della Banca nazionale svizzera di aumentare i tassi di 75 punti base. Ciononostante, la corona svedese si è indebolita fortemente nei confronti dell'euro sulla scia di questa decisione, mentre il franco svizzero si è rafforzato fino a raggiungere nuovi massimi pluridecennali nei confronti dell'euro. Le tensioni valutarie sono in aumento. L'indice di volatilità JP Morgan FX è in rialzo. L'adozione di un modesto e misurato rialzo di 50 punti base da parte della Banca d'Inghilterra ha creato scompiglio nel mercato dei gilt accanto a uno scivolone incontrollato della sterlina. Questo doppio colpo sembra avere le sue gambe. In effetti, le iniziative fiscali del governo Truss preoccupano molto gli investitori in gilt, che per le scadenze a due anni sono saliti di oltre 40 punti base per chiudere al 3,90% venerdì. I gilt decennali hanno subito un colpo di 33 punti base, chiudendo al 3,82%, superando i tassi statunitensi a 10 anni. All'inizio della settimana il sell-off accelera con i gilt decennali che toccano il 4,12%. Il Debt Management Office (DMO) britannico è perplesso, il mercato ancora di più”.

 

“Allo stesso tempo” aggiunge De Coensel  “il cambio dollaro/yuan, che oggi è a 7,16, si sta dirigendo costantemente verso i picchi che si realizzarono nel 2019 e nel 2020 che si attestarono a 7,19. Quale target ha in mente la People's Bank of China? 7,50 o 8,00 sul cambio Dollaro/Yuan alleggerisce l'impatto della debacle del settore immobiliare, oltre al comportamento di stop-and-go del settore manifatturiero dovute all’approccio zero-Covid stabilito dal governo. I risultati di FX "beggar-thy-neighbour" sono in aumento. Il deprezzamento della propria valuta accanto all'adozione di politiche di protezione del tessuto economico nazionale costituiscono l’espressione dell’ordine mondiale post Covid”. Il primato del dollaro è confermato, e la sua credibilità come porto sicuro riceve un forte incremento.

 

In tale contesto, il numero di valute che iniziano a cedere sotto la continua forza del dollaro USA è in aumento. Al centro c'è la funzione di reazione dei tassi di policy della Fed, che sembra aver colto di sorpresa la maggior parte delle banche centrali dell'OCSE con la sua determinazione. I tassi di policy impliciti nel mercato indicano livelli compresi tra il 4,50% e il 5,00% nella primavera del 2023. “La divergenza di politiche tra la Fed e un numero crescente di banche centrali è una realtà” rimarca De Coensel. “Mi viene in mente la battuta di John Connally, segretario al Tesoro nel 1971, "L'USD è la nostra valuta, ma è un vostro problema". Sotto Nixon negoziò l'uscita da Bretton Woods risolvendo questioni monetarie e commerciali protezionistiche. Alla fine, il dollaro si svalutò di circa il 20% e le tensioni diminuirono. Se si va avanti fino ad oggi, si nota che gli squilibri cominciano solo ora a diventare visibili. Squilibri che stanno crescendo a causa di scelte di politica fiscale e monetaria divergenti”.

 

“Ci aspettiamo che i livelli più elevati di volatilità dei tassi e delle azioni a cui ci stiamo abituando si trasferiscano nell'arena FX” aggiunge De Coensel. “La volatilità valutaria e i giochi valutari sono tornati. Ci aspettiamo che i vertici del G7 o del G19 (ex Russia) diventino i luoghi in cui il coordinamento e gli eventuali accordi cercheranno di smorzare l'impatto delle divergenze politiche. C'è ancora molta strada da fare prima che i signori al potere decidano di farlo. Nel frattempo: allacciate le cinture”.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.