Reddito fisso, abituiamoci alle fluttuazioni

Jon Mawby (Pictet AM): “I punti deboli dell’asset class sono in questo momento centrati su un'inflazione in aumento, una riduzione della crescita e una liquidità di mercato in netta contrazione”
19/10/2022 | Redazione Advisor

“La dura verità è che le economie hanno bisogno che l'inflazione intacchi il valore dell'enorme mole di debito pubblico e privato accumulata nell'ultimo decennio o due”. Jon Mawby, senior investment manager di Pictet Asset Management, spiega che “le ragioni della ‘Realpolitik’ potrebbero costringere le banche centrali ad accettare un'inflazione più elevata rispetto a quella che si sono poste come obiettivo”.

 “Ciò - prevede il manager - potrebbe significare modificare il loro mandato o, più probabilmente, chiudere un occhio su eventuali sforamenti dell'inflazione, purché non eccessivi. Nel frattempo, è anche probabile che le Banche Centrali compiranno dei passi in avanti verso l'adozione delle valute digitali, cosa che permetterebbe loro di elaborare stimoli in modo molto più preciso ed efficace e di aprire le porte ad altri strumenti non convenzionali di politica monetaria. Per il momento, però, sono costrette a lavorare solo con gli strumenti tradizionali a loro disposizione. A causa di questa miscela di vincoli politici e mutamenti nella reattività delle Banche Centrali, i mercati potrebbero affrontare una volatilità ancora maggiore. Questo, senza considerare il fatto che i policymaker non potranno mantenere bassi quei tassi di interesse che fino a poco tempo fa si attestavano sui minimi storici. Le fluttuazioni di mercato cui abbiamo assistito negli ultimi mesi sono destinate a diventare la norma, anche nel reddito fisso”.

“I punti deboli del reddito fisso - argomenta il gestore - sono in questo momento centrati su un'inflazione in aumento, una riduzione della crescita e una liquidità di mercato in netta contrazione. D'altro canto, la ridefinizione dei prezzi in tutto l'universo del reddito fisso è stata talmente imponente da cominciare a far apparire convenienti molte obbligazioni, siano queste sovrane, societarie, dei mercati emergenti o dei mercati sviluppati. I tassi di breakeven stanno compensando sempre più gli investitori per la volatilità. Anche nella parte più rischiosa del mercato del credito, le classi di obbligazioni convertibili contingenti, ad esempio, sembrano ora interessanti, con rendimenti a una o addirittura due cifre e prezzi della liquidità relativamente bassi”. 

“Ciò - constata l’analista - lascia gli investitori meno esposti al rischio di ribassi e con migliori prospettive di rendimenti sopra la media. Nel corso del tempo, è plausibile che questo tipo di opportunità porti rendimenti annualizzati interessanti agli investitori. A differenza di 12 mesi fa (quando gli investitori ricevevano livelli di rendimento propri del mercato obbligazionario per rischi di tipo azionario), ora si sta realizzando il contrario: sul comparto azionario gli investitori ricevono rendimenti comparabili a quelli obbligazionari di lungo termine”.

“Il mondo ora è più complicato di quanto non lo fosse alla vigilia della pandemia e i decisori politici (sia lato Banche Centrali, che governi) stanno lottando per trovare il giusto equilibrio tra inflazione, alti livelli di debito ed eventi che si portano dietro grandi incertezze (guerra in Ucraina). Il mercato obbligazionario risentirà ancora di una significativa volatilità. Tuttavia, per gli investitori iniziano a emergere opportunità interessanti, non da ultimo in quelle aree in cui gli spread creditizi si sono maggiormente ampliati”, conclude Mawby.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.