Amundi chiude il trimestre in crescita e punta sulla Cina

Afflussi pari a 35 miliardi e utile netto di 235 milioni, un aumento del 2,3% rispetto al terzo trimestre 2019. Obiettivi ambiziosi per l’Asia
30/10/2020 | Redazione Advisor

Amundi chiude il terzo trimestre del 2020 col vento in poppa. In questo periodo gli afflussi sono stati pari a 35 miliardi di euro e l’utile netto è stato di 235 milioni di euro, in crescita del 2,3% rispetto al terzo trimestre del 2019. Il consiglio di amministrazione, presieduto da Xavier Musca, si è riunito il 20 ottobre 2020 per esaminare il bilancio del terzo trimestre e dei primi nove mesi del 2020.
 

Ecco i principali risultati nel primo trimestre e nei primi 9 mesi del 2020:

Business

€ 1.662 miliardi AUM al 30 settembre 2020, un aumento del 6,4% anno su anno (+ 4,4% rispetto a fine giugno 2020)

Forti afflussi nel Q3 pari a 34,7 miliardi di euro, trainati da tutti i segmenti:

+22,0 miliardi di euro in prodotti di tesoreria

+ 4,7 miliardi di euro in asset a medio e lungo termine

Prosegue il momentum favorevole delle joint venture (+ 8,1 miliardi di euro)

Risultati

utile netto adjusted ancora elevato: € 235 milioni (+ 2,3% rispetto al terzo trimestre 2019 e + 1,0% rispetto al secondo trimestre 2020);

cost/income ratio stabile al 51,2%;

Nei primi nove mesi dell’anno, utile netto adjusted pari a 674 milioni di euro (-8,3% rispetto ai primi nove mesi del 2019), sostanzialmente stabile escludendo i proventi finanziari (influenzati dalla flessione del mercato).

Raccolta netta nel Q3 2020

Retail: recupero degli afflussi (+€5,2 mld nel Q3 2020 rispetto a -€4,5 mld nel Q2 2020);

Sottoscrizioni nei prodotti a Medio Lungo Termine ritornate positive (+€2,4 mld);

Istituzionali: forte ripresa dell’attività (+€21,4 mld nel Q3 2020 rispetto a +€0,6 mld nel Q2 2020);

Joint Venture: costante trend di crescita con un livello elevato di afflussi (+€8,1 mld), in particolare in Cina (+€7,2 mld) e in India (+€1,8 mld);

Expertise: flussi a Medio Lungo Termine trainati da ETF/Indici e real asset.


Yves Perrier, ceo di Amundi, ha spiegto che “nel terzo trimestre del 2020 Amundi ha conseguito una solida performance operativa sia per ciò che concerne l’attività di business sia per quanto riguarda i risultati. L’elevato livello di afflussi (+35 miliardi) è stato trainato da tutti i segmenti di clientela e l’utile netto (235 milioni) è cresciuto del 2,3% rispetto al terzo trimestre 2019. Grazie al suo modello di business diversificato e alla sua efficienza operativa, Amundi sta quindi confermando la sua capacità di unire crescita e redditività, nonostante un contesto di mercato che rimane fragile a causa della crisi generata dal Covid-19. L’Asia è il centro principale della strategia di espansione di Amundi. Nel giro di 5 anni le masse gestite (AUM) di Amundi in Asia sono triplicate, superando i 300 miliardi di euro".

“Il lancio della nuova controllata in Cina insieme a BoC offre ad Amundi un posizionamento unico in questo mercato in rapido sviluppo. Grazie a questo nuovo fattore di crescita e al contesto favorevole delle altre attività in Asia, Amundi si è prefissata di raggiungere l’obiettivo di 500 miliardi di AUM nella regione entro il 2025”, conclude Perrier.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.