AcomeA SGR, il 2020 si chiude con masse in crescita del +10%

Il patrimonio gestito raggiunge i 2,6 miliardi di euro (al 31 dicembre 2020) registrando una crescita del 25% circa negli ultimi 3 anni
08/02/2021 | Redazione Advisor

AcomeA SGR (www.acomea.it), società di gestione del risparmio specializzata in fondi comuni d’investimento e gestioni patrimoniali, chiude il 2020 con masse in crescita del 10%, raggiungendo un patrimonio gestito pari a 2,6 miliardi di euro, grazie a una raccolta netta in fondi gestiti dalla casa pari a €170 milioni.

Nata nel 2010 dall'iniziativa di un gruppo di gestori e imprenditori con una lunga esperienza nel settore - Alberto Foà, Giordano Martinelli, Giovanni Brambilla, Matteo Serio e Daniele Cohen - AcomeA SGR, ha registrato una crescita del 25% circa negli ultimi 3 anni, con ben 35 accordi di distribuzione in essere. La raccolta in fondi del triennio 2018-2020 si attesta a +837 milioni di euro, con una gamma di 14 fondi di investimento diversificati tra strategie globali value contrarian che puntano sulla liquidità, sulle obbligazioni e sui titoli azionari.

La SGR di Foà e soci, nell'arco del violento e repentino ribasso di marzo 2020, ha inoltre impiegato sui mercati azionari e obbligazionari la liquidità presente nei fondi per €300 milioni, in controtendenza rispetto ai forti deflussi di capitali che in quelle settimane hanno colpito l'economia globale e domestica. Ciò ha permesso di cogliere l’opportunità di quotazioni particolarmente depresse, creando così le basi per generare valore per gli investitori nelle settimane successive al picco della crisi.

“Il compito di un gestore attivo è anche quello di saper sfruttare le opportunità tattiche che la volatilità dei mercati offre all’investitore, al fine di migliorare i rendimenti prospettici dei fondi gestiti” - dichiara Matteo Serio, socio e direttore commerciale di AcomeA SGR. “Come sempre abbiamo fatto, e ancor più in queste circostanze così particolari, abbiamo mantenuto un filo di informazione assiduo e continuo nei confronti dei nostri partner commerciali a cui rinnoviamo il nostro ringraziamento per la rinnovata fiducia in un anno così drammatico per famiglie e imprese” - conclude Serio. 

 

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.