Eurizon: nel 2020 cala la raccolta, tiene l’utile

L'a.d. Perissinotto: “Stiamo portando avanti significative iniziative su diversi fronti, tra cui nuove soluzioni per la riqualificazione della liquidità"
15/02/2021 | Redazione Advisor

Eurizon, la società di gestione del risparmio del Gruppo Intesa Sanpaolo specializzata nella gestione di prodotti e servizi per la clientela retail, private e istituzionale, ha approvato i risultati al 31 dicembre 2020.

Le masse gestite hanno raggiunto i 349 miliardi di euro, grazie all'effetto combinato dei mercati e della raccolta che ha determinato una crescita degli AUM del 4% da fine 2019. Per quanto riguarda i dati finanziari, nei dodici mesi l'utile netto consolidato (incluso l'utile di pertinenza di terzi) si è attestato a 512,9 milioni di euro (stabile rispetto ai 518,5 milioni nel 2019) mentre le commissioni attive sono state pari a 835,4 milioni di euro. La società continua a sostenere elevati livelli di efficienza con un cost/income al 18,1%.

La raccolta netta nei dodici mesi ha superato i 5,2 miliardi di euro, (circa la metà rispetto agli oltre 10 miliardi del 2019 che però beneficiavano di un’operazione straordinaria da 3,4 miliardi). I fondi aperti hanno giocato un ruolo chiave in questo risultato, portando 5 miliardi di euro distribuiti tra fondi obbligazionari (+3,3 miliardi di euro), fondi azionari (+3,2 miliardi di euro), fondi bilanciati (+2 miliardi di euro) e fondi monetari (+2 miliardi di euro).

I fondi flessibili hanno registrato flussi negativi per 5,5 miliardi di euro. La tendenza al rialzo ha guadagnato slancio nell'ultimo trimestre, con 4,5 miliardi di euro di afflussi tra ottobre e dicembre 2020. Cresce l'interesse per la gamma Eurizon Next, con una raccolta di 5,4 miliardi di euro dal suo lancio il 30 giugno, di cui 2,7 miliardi solo nell'ultimo trimestre. La gamma di prodotti per la clientela della Divisione Banca dei Territori di Intesa Sanpaolo - composta da 12 fondi comuni di investimento lussemburghesi diversificati per strategie di investimento, rischio profili e team di gestione - fa parte del servizio di consulenza personalizzata del distributore, con l'obiettivo di cogliere le opportunità del mercato.

Guardando a livello internazionale, la società cinese Penghua Fund Management (partecipata al 49%) ha superato la soglia dei cento miliardi di euro, registrando un patrimonio record di 102,7 miliardi di euro a dicembre 2020 - in crescita del 25% da inizio anno - e una raccolta di 13 miliardi di euro. Questo porta il patrimonio totale gestito da Eurizon a 452 miliardi di euro. Il rafforzamento della presenza in Asia si realizza anche attraverso Eurizon Capital Asia, la controllata con sede a Hong Kong: dopo il potenziamento della struttura a giugno 2020, con l’ingresso di un nuovo team di professionisti, a inizio 2021 la società si è arricchita di una nuova figura senior nel ruolo di responsabile della distribuzione. Attraverso la combinazione dell’expertise sull’azionario cinese di Eurizon Capital Asia, con le pluriennali conoscenze sull’obbligazionario cinese della londinese Eurizon SLJ Capital, la Divisione Asset Management del Gruppo Intesa Sanpaolo continua nella creazione di nuove soluzioni d’investimento specializzate su questo mercato.

Sul fronte della corporate governance, nel corso del 2020 Eurizon Capital SGR ha preso parte a 120 assemblee degli azionisti di selezionate società, quotate sulla Borsa Italiana (59%) e sui mercati internazionali (41%), esprimendo il voto su circa 1390 risoluzioni all’ordine del giorno. La SGR ha condotto 840 engagement con 573 società emittenti, di cui 24% hanno riguardato tematiche ESG. Eurizon Capital SGR ha anche aderito a un engagement collaborativo all’interno di una campagna condotta su tematiche ambientali, che ha raggiunto 1826 società selezionate in diversi settori rilevanti e che operano a livello globale. Inoltre, Eurizon mantiene la leadership in Italia sugli investimenti ESG, secondo gli ultimi dati di Assogestioni , con un patrimonio di 13,6 miliardi di euro, una gamma d’offerta di 51 prodotti e una raccolta di 4,57 miliardi nei primi nove mesi dell’anno.

In termini di riconoscimenti : il 19 novembre Eurizon è stata premiata come miglior “Società europea di Asset Management dell’anno, con oltre 100 miliardi di euro”, ai Funds Europe Awards. Inoltre, il 27 gennaio 2021, Eurizon ha ricevuto il premio Tripla a top asset manager per la società con le maggiori masse gestite in Italia agli MF Investment Manager Awards 2021.

Saverio Perissinotto, amministratore delegato di Eurizon, ha dichiarato: “Il 2020 è stato particolarmente complesso e senza precedenti, a causa della pandemia. In questo primo anno alla guida di Eurizon, non posso che esprimere soddisfazione per le capacità e la coesione di cui ha dato prova la squadra della Divisione Asset Management, riuscendo a raggiungere importanti risultati. A tutte le colleghe e i colleghi va il mio sentito ringraziamento per aver continuato a dimostrare passione e impegno in un contesto imprevisto e inesplorato”.

Ha aggiunto Saverio Perissinotto: “Stiamo portando avanti significative iniziative su diversi fronti, tra cui nuove soluzioni per la riqualificazione della liquidità, in collaborazione con le altre Divisioni del Gruppo Intesa Sanpaolo, e nuovi strumenti a supporto dell’economia reale conformi alla normativa sui PIR alternativi. Stiamo inoltre rafforzando – ha concluso – la collaborazione con le realtà dell’ex Gruppo UBI tramite l’attività di collocamento dei prodotti Eurizon, così come il coordinamento con la struttura di asset management di Pramerica SGR”.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.