Anima: raccolta in frenata a marzo, masse a 197 miliardi

L’a.d. Melzi d’Eril: “Anche in questo difficile mese, caratterizzato da un’elevata volatilità dei mercati internazionali dovuti al contesto geopolitico, il gruppo chiude con un dato positivo”
06/04/2022 | Daniele Riosa

Frena la raccolta di Anima nel mese di marzo. Dai 415 milioni di euro di febbraio si è passati agli 86 di marzo. Alessandro Melzi d’Eril, amministratore delegato di Anima Holding, commenta così i dati: “Anche in questo difficile mese di marzo, caratterizzato da un’elevata volatilità dei mercati internazionali dovuti al contesto geopolitico, Anima chiude con un dato di raccolta positivo, a testimonianza del buon lavoro fatto dal Gruppo sia sul fronte della gestione degli investimenti che del supporto alle reti distributive, fornendo loro tutti gli elementi per aiutare il cliente a meglio comprendere la complessità del momento ed a evitare scelte di breve periodo dettate dall’emotività”.

Tornando ai numeri, la raccolta netta di risparmio gestito (escluse le deleghe assicurative di Ramo I) del gruppo nel mese di marzo 2022 è stata positiva per 86 milioni di euro, per un totale da inizio anno positivo di 738 milioni. A fine marzo le masse gestite complessivamente di Anima si attestano a circa 197 miliardi di euro, in incremento di 2 miliardi rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.