Axa IM, rating UK non peggiorerà ulteriormente

PIL Gran Bretagna, previsto dall'asset manager francese a +0,4%, contro il +1,9% prima del referendum
30/06/2016 | Davide Mosca

Come previsto per uno scenario di Brexit, considerato in verità poco probabile, è arrivato il downgrade del Regno Unito da parte delle agenzie di rating. La mossa di Moody's si è concretizzata già nella giornata di venerdì con la modifica dell'outlook da stabile a negativo, seguita lunedì dalla perdita della tripla A S&P e dell'AA+ di Fitch.

 

Movimenti al ribasso non dovrebbero riproporsi nel breve periodo secondo il centro studi di AXA Investment Managers, come si legge in una nota del team di Research & Investment Strategy. "Nonostante il percorso di uscita della Gran Bretagna dall'Unione europea sia molto incerto - si legge in una nota del team di Research & Investment Strategy - non crediamo che il rating UK peggiorerà ulteriormente a meno che non si incontrino difficoltà significative e/o le reazioni dei mercati diventino più estreme."

 

Fonti di incertezza principali relativamente alle valutazioni future sono gli equilibri politici dell'Eurozona e i movimenti della crescita UK con un fondato rischio recessione. Su quest'ultimo punto la previsione di AXA IM per il PIL UK nel 2017 è di un +0.4%, +1.9% prima del referendum, e per due tagli del 0.25% del tasso prima di fine anno.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.