Fidelity: nel 2018 sarà boom di dividendi in Europa

È quanto emerge dall’ultima Fidelity Analyst Survey 2018 che però avverte: potenziali rischi da Brexit e instabilità politica
29/03/2018 | Massimo Morici

In Europa sarà boom di dividendi nel 2018. Una più elevata redditività del capitale e la solidità dei bilanci consentiranno infatti a molte imprese europee di aumentare ulteriormente le distribuzioni degli utili agli azionisti nei prossimi mesi. È quanto emerge dall’ultima Fidelity Analyst Survey 2018, la consueta indagine condotta da Fidelity che illustra le view dei suoi analisti sui principali trend che caratterizzano i prossimi mesi. Ecco i principali risultati. Sei analisti su dieci in Europa prevedono un aumento dei dividendi, facendo così registrare una percentuale più alta che in qualsiasi altra regione, eccetto gli Stati Uniti.

La maggior parte degli analisti europei si aspetta inoltre una maggiore propensione verso attività di M&A nei prossimi 1-2 anni, in prevalenza di acquisizioni per incorporazione e non di grandi operazioni strategiche, maggiormente attese dagli analisti negli Stati Uniti. Secondo gli analisti europei di Fidelity, il management delle società è considerevolmente più fiducioso riguardo alle prospettive dei loro business e poco più della metà del campione (il doppio dello scorso anno) dichiara che la fiducia del management verso gli investimenti è in aumento rispetto all’anno appena concluso.



Oltre quattro analisti su dieci prevedono un aumento della spesa in conto capitale: l'enfasi principale, come altrove, è sul mantenimento del business, tuttavia un maggior numero di società inizia a spendere per la crescita. Nel complesso, quindi, le prospettive per l'Europa sembrano essere molto positive, ma non mancano tuttavia alcuni fattori negativi, già in atto o potenziali, da tenere sotto osservazione. Ancora più dello scorso anno, gli analisti europei temono che la Brexit stia penalizzando le decisioni strategiche sugli investimenti nel Regno Unito. Inoltre l'instabilità politica in Europa costituisce un potenziale fattore di attenzione.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.