Amiral Gestion firma i PRI dell'Onu

Il dg Biard:" Questa è la prosecuzione del nostro impegno per una gestione sostenibile, responsabile ed efficiente"
29/03/2019 | Redazione Advisor

Amiral Gestion, società di gestione indipendente di proprietà dei suoi dipendenti, sottoscrive i Principi di Investimento Responsabile delle Nazioni Unite (UN PRI).

“La filosofia d’investimento di Amiral Gestion è inscindibile dalle sfide ESG. Si basa sulla creazione di valore a lungo termine e sul controllo dei rischi fondamentali che influenzano il futuro dell’azienda, il suo ambiente ma anche gli uomini e le donne che ne modellano lo sviluppo”, precisa Benjamin Biard, direttore generale delegato di Amiral Gestion.

“Il nostro processo di analisi fondamentale si basa sull’assegnazione di un rating qualità fondato su 28 criteri, 10 dei quali riguardano attualmente le sfide Ambientali, Sociali e di Governance. La nostra scelta d’investimento scaturisce in parte da questo rating qualità. La firma dei PRI rappresenta la prosecuzione naturale del nostro impegno per una gestione sostenibile, responsabile ed efficiente. Sottoscrivendo i PRI, Amiral Gestion dimostra la sua volontà di impegnarsi a lungo termine nell’impiego delle risorse e nella mobilitazione dei team sui temi dell’investimento sostenibile”.

Amiral Gestion gestisce inoltre per un suo cliente istituzionale un mandato dedicato conforme ai criteri ESG per un importo di 170 milioni di euro.


Oltre che la gestione, l’impegno di Amiral Gestion riguarda anche la promozione di un’istruzione innovativa e di qualità attraverso la Fondation Sextant, creata nel 2016 sotto l’egida della Fondation de France. Al pari della sua attività primaria di gestione di attivi, Amiral Gestion considera questa Fondazione come uno strumento di supporto per progetti a lungo termine. Amiral Gestion conferma questo impegno attraverso iniziative benefiche nelle quali coinvolge i suoi clienti, come per esempio il Défi Amiral.

Questo primo grande evento di beneficenza svoltosi nel 2018 consiste in una sfida sportiva, la celebre escursione in bici Parigi-Deauville, che ha riunito 30 ciclisti esperti e meno esperti e consentito di raccogliere oltre 10.000 € per la Fondazione. L’evento si ripeterà nel giugno 2019 con la classica Parigi-Roubaix che raccoglierà un plotone di 60 ciclisti.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.