Fondi, ecco i best performer di gennaio

La classifica vede spiccare in vetta BlackRock, seguita da Amundi e da Bnp Paribas AM che hanno raccolto rispettivamente a livello globale...
25/02/2020 | Marcella Persola

Dopo la buona performance dei mercati azionari a livello globale, gli investitori europei sono stati ancora in modalità risk on nel mese di gennaio. Il sentiment degli investitori potrebbe continuare grazie alle notizie positive relative alla guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, nonché da una situazione più chiara intorno a Brexit, poiché entrambe hanno portato a una migliore prospettiva di crescita economica generale e di utili aziendali per l'anno a venire. Questo quanto emerge dall'ultimo report del team di Lipper per Refinitiv che analizza i trend dei fondi a livello europeo.

Nonostante ciò, vi sono preoccupazioni per la crescita economica globale che sono state innescate dallo scoppio del coronavirus, i cui effetti sugli utili aziendali non sono ancora noti. Ciononostante, i fondi comuni di investimento a lungo termine hanno registrato un forte afflusso netto nel gennaio 2020. I fondi obbligazionari (+31,6 miliardi di euro) sono stati la tipologia più richiesta, seguiti dai fondi azionari (+14,8 miliardi di euro). Per contro, i fondi alternativi (-1,1 miliardi di euro) e gli "altri" fondi (-1,2 miliardi di euro) hanno dovuto far fronte a deflussi.

Ma quali sono stati nello specifico i prodotti più performanti a livello di raccolta? BlackRock, Amundi e Bnp Paribas AM sono le società che hanno raccolto di più con dei flussi rispettivamente pari a 16,6 miliardi di euro; 14,0 miliardi di euro e 8,4 miliardi di euro.

 

Considerando le singole asset class BlackRock (+4,3 miliardi) è stato il best performer con il fondo obbligazionario che ha venduto di più, seguito da PIMCO (+3,0 miliardi), JP Morgan (+2,8 miliardi), Credit Suisse Group (+2,1 miliardi) e Vanguard Group (+1,4 miliardi).

Sul fronte equity è sempre BlackRock (+5,3 miliardi) in testa alla classifica, seguito da UBS (+2,8 miliardi), Pictet (+1,6 miliardi), DWS Group (+1,3 miliardi) e AXA  IM (+1,2 miliardi).

 

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.